rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca Centro / Piazza del Popolo

Marò in India, appello del sindaco per la liberazione dei due soldati

"Mi sento di lanciare un nuovo appello alle autorità dell'India affinché i nostri due soldati possano essere rimandati in Italia e si avvii la ricerca di una soluzione diplomatica del caso" ha commentato Di Giorgi

I due marò italiani tornino presto a casa. Questo il nuovo appello del sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, nei confronti dei due soldati italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, che si trovano in India dove sono sotto accusa per la morte di due pescatori avvenuta il 15 febbraio 2012 al largo delle coste del Kerala.

“A nome personale e interpretando i sentimenti dell’intero Consiglio comunale e della città tutta – afferma il sindaco Di Giorgi - mi sento di lanciare un nuovo appello alle autorità dell’India affinché i nostri due soldati possano essere rimandati in Italia e si avvii definitivamente la ricerca di una soluzione diplomatica del caso.

Mi fa molto piacere che, finalmente, la vicenda abbia trovato il giusto e necessario interessamento delle massime istituzioni del nostro Paese e dell’Unione Europea, fornendo alla questione una importante accelerata sul piano diplomatico.

Sono convinto che siamo entrati nella fase cruciale della vicenda e per questo è necessario l’impegno da parte di cittadini ed istituzioni per difendere i nostri soldati e ottenere un adeguato trattamento che finora le autorità indiane non sono state in grado di garantire. In segno di solidarietà, da questa mattina sulla facciata del palazzo comunale è nuovamente affisso lo striscione a favore dei nostri soldati".                                 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marò in India, appello del sindaco per la liberazione dei due soldati

LatinaToday è in caricamento