Prima la lite al ristorante, poi l’aggressione ai carabinieri: 54enne arrestato

I fatti a Moneglia in provincia di Genova; l’uomo che vive ad Aprilia, e trovato anche in possesso di un coltello, arrestato insieme ad un cittadino francese di 35 anni

Prima la lite nel ristorante poi l’aggressione ai carabinieri: nei guai un uomo di 54 anni di origini calabresi ma che vive ad Aprilia. L’uomo è stato arrestato a Moneglia insieme ad un cittadino francese di 35 anni che vive a Carrara. 

I fatti sono accaduti qualche sera fa nel centro in provincia di Genova. I due, scrive GenovaToday, in evidente stato di ebbrezza stavano discutendo animatamente con il titolare di un ristorante e alcuni suoi dipendenti quando sono arrivati i carabinieri. Alla vista dei militari intervenuti sul posto si sono scagliati contro di loro provocando lesioni a un carabiniere e danneggiando le portiere del mezzo di servizio.

Al termine degli accertamenti, i due sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale aggravate, danneggiamento aggravato e porto abusivi di armi; il 54enne nel corso di una perquisizione è stato anche trovato in possesso di un coltello a serramanico, poi sequestrato.

Trasportati al pronto soccorso dell'ospedale di Lavagna, il più grande dei due è risultato in agitazione psicomotoria da abuso di alcol e con un trauma cranico e una frattura del naso. Sono stati processati con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento