menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lite in famiglia, calci e pugni al fratello: “Mi minacciava con un coltello”

Violenta lite a Formia dove un giovane di 33 anni, denunciato per lesioni personali dolose, è stato rintracciato poco dopo dalla polizia a cui ha consegnato il coltello. Ritrovata anche un'asta di ferro; sequestrate le due armi

Degenera la lite fra due fratelli di Formia: uno dei due è finito in ospedale, l’altro è stato denunciato dalla polizia per lesioni personali dolose.

I fatti nella giornata di ieri in località Gianola nei pressi del “Lido Tirreno” sul lungomare Città di Ferrara, dove, dopo una segnalazione, è stato necessario l’intervento della polizia. Secondo una prima ricostruzione degli agenti, il più giovane dei due, un 31enne, al culmine della lite, sarebbe stato aggredito dal fratello di 33 anni che lo ha colpito con calci e pugni. Soccorsa, la vittima è stata portata al pronto soccorso dove è stata ricoverata in osservazione a seguito delle gravi lesioni riportate.

Poco dopo, nei pressi di via Spaventola è stato rintracciato il 33enne che, dopo aver confermato di avere avuto una lite con il fratello degenerata in un vero e proprio pestaggio, ha consegnato agli agli agenti un coltello a serramanico di colore argento con cui ha raccontato agli agenti sarebbe stato minacciato dal familiare.

A bordo dell’auto del 33enne di proprietà della madre, è stata rinvenuta poi un’asta di ferro a forma di “Z” di sezione rettangolare della lunghezza di 80 centimetri, oggetto potenzialmente atto ad offendere. Sia il coltello che l’asta sono stati sequestrati e ora custoditi presso gli Uffici del Comm.to di Formia, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento