rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Lotta alle ecomafie pontine, convegno di Legambiente a Cori

L’incontro sabato durante il quale Istituzioni, associazioni e società civile si sono confrontate sul tema della legalità e sull’importanza della partecipazione attiva dei cittadini nella difesa del territorio e nella lotta alle mafie

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Le ecomafie si possono e si devono combattere. Un messaggio di fiducia e di incoraggiamento da parte di Legambiente nel corso del convegno “Io mi associo - Cittadinanza attiva; presidio del territorio e della legalità. Il ruolo delle associazioni nella tutela dell’ambiente e della legalità”, organizzato sabato dal Circolo locale "Cora Viridis" presso la Sala Conferenze del Museo della Città e del Territorio di Cori.

Istituzioni, associazioni e società civile si sono confrontate sul tema della legalità e sull’importanza della partecipazione attiva dei cittadini nella difesa del territorio e nella lotta alle mafie. Come evidenziato negli annuali rapporti dell’associazione ambientalista, la criminalità organizzata che fa affari con il traffico e lo smaltimento illecito dei rifiuti, l’abusivismo edilizio, le agromafie e le attività di escavazione è ormai radicata anche in provincia di Latina. Le recenti dichiarazioni del boss Carmine Schiavone sui veleni e le scorie del Clan dei Casalesi confermano che questo problema non deve essere affatto sottovalutato.

Da qui le proposte del cigno verde per arginare le illegalità ambientali e cercare di liberare il territorio pontino dall’ecomafia. Istituire una Direzione Distrettuale Antimafia a Latina; abbattere gli abusi edilizi; investire uomini e mezzi in favore delle Procure e delle forze dell’ordine e su azioni investigative, soprattutto di carattere patrimoniale; promuovere progetti di educazione ambientale e alla legalità.

Tuttavia qualunque strategia istituzionale di controllo, prevenzione e contrasto delle attività illegali necessita del contributo della comunità. Le persone devono abbattere con coraggio il muro dell’indifferenza e riappropriarsi con senso civico del loro ruolo di presidio territoriale e denuncia di tutto ciò che è illegale. Per fare questo è essenziale rafforzare e diffondere la cultura della legalità soprattutto tra le giovani generazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alle ecomafie pontine, convegno di Legambiente a Cori

LatinaToday è in caricamento