Cronaca Sezze

Lotta al tumore al seno, Sezze e Gaeta aderiscono al "Nastro Rosa 2014"

Museo Archeologico a Sezze e Torre Vicica di Gaeta illuminate per la campagna mondiale di sensibilizzazione contro il tumore al seno "Nastro Rosa", giunta alla sua XX edizione e organizzata ogni anno dalla Lilt

SEZZE - Per tutto il mese di ottobre la parte esterna del Museo Archeologico, lato Piazza IV Novembre, si tingerà di rosa: anche il Comune di Sezze aderisce, infatti, alla campagna mondiale di sensibilizzazione contro il tumore al seno “Nastro Rosa”, organizzata ogni anno dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Nazionale (LILT) e dalla Esteè Lauder Companies.

Per tutto il mese le città delle 70 nazioni che aderiscono illumineranno di rosa, colore simbolo della lotta contro il tumore al seno, edifici, monumenti, paesaggi, fontane e piazze. “Il Comune di Sezze – ha dichiarato il sindaco Andrea Campoli – ha aderito alla campagna Nastro Rosa, volendo contribuire a sostenere una battaglia di tipo culturale per sensibilizzare i cittadini alla prevenzione ed educazione in campo oncologico”.

GAETA - A Gaeta, invece, sarà la Torre Civica ad essere illuminata di rosa con il Comune che ha aderito alla Campagna Mondiale denominata Nastro Rosa. "Quest'anno - afferma il sindaco Cosmo Mitrano - anche Gaeta vuole dare il proprio contributo, illuminando di rosa la Torre Civica del Palazzo Comunale, un monumento particolarmente rappresentativo della nostra città. Un contributo ben più modesto ma di uguale intensità nel messaggio che si vuole lanciare per diffondere la cultura della prevenzione e dell'educazione in campo oncologico. Per raggiungere tale scopo è fondamentale ricercare sistemi di collaborazione tra Istituzioni e società civile. La campagna Nastro Rosa ne rappresenta un esempio importante, grazie alla sua capacità di coinvolgere migliaia di città in tutto il mondo".

"Dal  4 ottobre e per tutto il mese - spiega il responsabile LILT Gaeta Rosario Cienzo - la luce rosa della Torre civica unirà idealmente Gaeta e i suoi abitanti a milioni di persone in questa battaglia per sconfiggere il tumore al seno: il big Killer numero uno per il genere femminile. Si stimano in Italia circa 50.000 nuovi casi ogni anno. Questa incidenza è in costante crescita ed è aumentata del 14% negli ultimi sei anni. In particolare il tumore al seno registra un aumento del 29% tra le giovani donne in età compresa tra i 25 e i 44 anni. Numeri impressionanti che fanno del tumore al seno una vera emergenza sociale. Comunque, grazie ai programmi di screening nazionale, al miglioramento delle tecniche diagnostiche, delle terapie chirurgiche e mediche, si registra negli ultimi anni una lenta ma costante diminuzione della mortalità. Oggi la guaribilità per il tumore al seno è del 90% circa, ma si potrebbe già raggiungere la quota del 98%, con la finalità di raggiungere la mortalità zero. Tale obiettivo può essere alla nostra portata se istituzioni, associazioni, pazienti, cittadini lungimiranti e di buona volontà, riuscissero a unire le diverse forze in modo sinergico per promuovere la Cultura della Prevenzione e dell’Educazione in campo Oncologico. Nastro Rosa ha questo obiettivo".

"E’ doveroso sottolineare - aggiunge Cienzo - che la Senologia della Ausl di Latina, anche attraverso il programma di Screening della Regione Lazio, ha da anni istituito, con la LILT, un programma di collaborazione chiamato “Progetto Mammella”. Grazie a questa intesa sono stati raggiunti risultati che collocano le due Istituzioni tra le migliori realtà Nazionali ed Internazionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta al tumore al seno, Sezze e Gaeta aderiscono al "Nastro Rosa 2014"

LatinaToday è in caricamento