Cronaca

Malasanità, crescono i presunti casi nel Lazio: 63 dal 2009 al 2012

Sono i dati forniti dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari. Di questi 42 si sono conclusi con la morte del paziente. In Italia i casi registrati sono stati 570

Circa 63 casi di presunta malasanità nel Lazio da aprile 2009 a dicembre 2012, 42 dei quali si sono conclusi con la morte del paziente.

Sono questi i dati forniti dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari, che ha presentato la sua relazione finale. In tutta Italia i casi registrati sono stati 570: si tratta di errori del personale medico e cattivo funzionamento del sistema

La situazione del Lazio "è vicina a quella delle regioni del sud. Si spende molto e si eroga sanità di cattiva qualità, sprechi enormi, poche responsabilità e nessuno paga mai", ha detto il presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari, Antonio Palagiano.

Nel Lazio sono 6 gli episodi relativi al pronto soccorso e al 118. Persone visitate e poi mandate a casa con leggerezza, ma decedute poco dopo, pazienti morti dopo aver atteso per ore di essere visitati, ambulanze prive di defibrillatori.

"C'è ovviamente da distinguere il campo amministrativo da quello medico - ancora Palagiano -. Si chiede spesso di rispondere al medico per colpe che magari non ha, denunce che noi abbiamo ricevute su lesioni colpose sono archiviate secondo le procure per il 98% dei casi. Chi invece è responsabile degli sprechi che dissanguano le casse dello stato e le tasche dei cittadini non risponde mai". Secondo Palagiano "tutto il debito creato nelle regioni non virtuose in questi anni, tra cui il Lazio, qualcuno lo avrà anche prodotto, ma il politico di turno non paga mai".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malasanità, crescono i presunti casi nel Lazio: 63 dal 2009 al 2012

LatinaToday è in caricamento