Giovedì, 18 Luglio 2024
Piccoli segnali di speranza / Fondi

Aggredito a Londra: "Marco Pannone lascia la terapia intensiva, ma le sue condizioni restano gravi"

Gli aggiornamenti attraverso l’associazione Pro Loco di Fondi in prima linea in queste settimane per aiutare la famiglia del 25enne pontino ricoverato da oltre un mese dopo un violento pestaggio

Sono piccoli, ma importanti, segnali di speranza quelli che arrivano da Londra in merito alle condizioni di salute di Marco Pannone, il ragazzo di 25 anni di Fondi ricoverato in ospedale dai primi giorni di dicembre dopo essere rimasto vittima di una brutale aggressione all’esterno di un pub nella capitale britannica

A fornire gli aggiornamenti l’associazione Pro Loco di Fondi, in prima linea in queste settimane per aiutare i familiari del ragazzo. Il 25enne da quanto appreso, infatti, "è stato dimesso dalla terapia intensiva e si trova ora in un altro reperto dell’ospedale londinese dove è ricoverato, anche se al momento le sue condizioni restano gravi e non viene dichiarato fuori pericolo".

“Marco Pannone riconosce la mamma Enza e il papà Giuseppe nonostante le sue condizioni vengano dichiarate gravi dai medici - spiegano dall’associazione -. Da quanto riferito dai familiari, che ringraziano di cuore tutti per la generosità e il calore umano dimostrato”, il giovane “continua ad essere alimentato in maniera artificiale, non potendo né mangiare e né bere, ma adesso respira in maniera autonoma. Dovrà subire altri delicati interventi, in particolare alla testa nella regione dove è stato colpito duramente e in maniera vigliacca alla fine del suo turno di lavoro come barman in un pub di Londra”.

Marco Pannone è stato aggredito e picchiato davanti al pub di Brixton in cui lavorava come cameriere nella notte tra il 2 e il 3 dicembre; subito le sue condizioni sono apparse molto gravi ed è stato ricoverato in terapia intensiva al King’s College Hospital di Londra; oggi l’aggiornamento sulle sue condizioni mentre intanto prosegue l’iniziativa solidale della Pro Loco Fondi che da settimane ha avviato una raccolta fondi per aiutare la famiglia del 25enne e che ha provveduto ad effettuare un quarto bonifico di 830,00 euro, raggiungendo la somma totale di 9.964,00 euro.

La raccolta di denaro continua soprattutto utilizzando l'Iban intestato all'associazione Pro Loco Fondi IT77M0200873971000102768396, indicando nella causale: Aiutiamo Marco Pannone e i suoi familiari. La raccolta, specificano dalla Pro Loco, “è trasparente e verrà puntualmente rendicontata con cura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredito a Londra: "Marco Pannone lascia la terapia intensiva, ma le sue condizioni restano gravi"
LatinaToday è in caricamento