“Memorie Urbane”, torna il festival di urban art a Formia: murale al ponte di San Giulio

L'obiettivo è di riqualificare le aree degradate dando colore e volto ad angoli dimenticati della città: stavolta tocca al ponte di via Madonna di Ponza chiamato ad una nuova vita grazie all'estro di Fabrizio Sarti, in arte Sea Creative

Torna a Formia “Memorie Urbane”, il festival di urban art sostenuto anche quest’anno dall’assessorato alle Politiche Ambientali del Comune con l’obiettivo di riqualificare le aree degradate dando colore e volto ad angoli dimenticati di città.

E dopo l’apprezzato intervento di Apollo Torres al ponte di Vindicio, stavolta tocca al ponte di via Madonna di Ponza, nel quartiere di San Giulio, chiamato ad una nuova vita grazie all’estro di Fabrizio Sarti, in arte Sea Creative, 38enne artista lombardo attivo da anni sulla scena della street art italiana.

I suoi murales, popolati di personaggi attoniti, colti in espressioni stupite ed immersi in scenari surreali, adornano i muri di tante città del Paese e oggi anche di Formia. Sea Creative parte dai modelli di Barry McGee e Phil Frost per arricchirli con un’interessante commistione tra immaginario e studi di grafica che trova il suo compimento nella scelta dell’acrilico come strumento pittorico.

Sotto la superstrada l’arte si rimpossessa così di pareti altrimenti grigie, senz’anima, consacrate al degrado e all’affissione abusiva. "Sea Creative ha regalato loro una nuova luce - commentano dall'amministrazione -. Il lavoro, iniziato il 16 febbraio, è quasi interamente concluso. Ed è solo il primo assaggio di una primavera ricca di eventi che vedrà Formia ospitare street artist di livello internazionale come i portoghesi Add Fuel e Eime".

memorie_urbane_murale_san_giulio_formia_1-2 memorie_urbane_murale_san_giulio_formia_2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il progetto ‘Memorie Urbane' – spiega l’Assessora alla Tutela del patrimonio naturalistico Maria Rita Manzo –, nasce con l’intento di creare una sorta di museo a cielo aperto. In quattro anni ha portato alla realizzazione di centinaia di opere in tutta Italia. Il Comune di Formia ha aderito con entusiasmo. L’arte è non solo uno straordinario strumento per elaborare idee e comunicare sentimenti, è anche un modo per riqualificare pezzi di città da troppo tempo consacrati all’abbandono. Il nostro intento è di valorizzare queste opere d’arte garantendo anche un’illuminazione migliore perché rendere più bello il paesaggio significa migliorare la qualità della vita e ognuno di noi può dare il suo contributo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento