Cronaca

Metro, denuncia il comitato: “Doppio incarico per il direttore dei lavori”

La denuncia da parte del comitato Metro Bugia che segnala quella che definisce solo "una delle tantissime e più volte elencate stranezze che abbiamo riscontrato in questi lunghi otto anni di attività"

Conflitto di interessi per il direttore dei lavori della metro leggera? Questa la segnalazione, l’ultima, che arriva dal comitato Metro Bugia, più volte intervenuto in merito all’opera pubblica mai realizzata e di cui ha sempre cercato di mettere in luce i lati oscuri.

“Di recente abbiamo esercitato accesso agli atti a seguito del quale ci è stata fornita parziale documentazione richiesta - si legge in una nota del comitato -. Il nostro obiettivo era di capire il motivo per cui è stato possibile, nonostante le problematiche sulla effettiva fattibilità dell’opera ormai note da tempo, procedere con la realizzazione dei vagoni e con l’emissione di due stati di avanzamento”.

“Chi ha dato il via alla realizzazione dei vagoni? Perché? Come mai si è andati avanti ad oltranza con la costruzione dei mezzi, da 5 anni fermi in un deposito in Francia? Come è possibile questo sperpero di milioni di euro?” commenta Metro Bugia “alla ricerca del documento che dà ufficialmente il via ai lavori e quindi alla costruzione dei vagoni”.

In attesa di venire in possesso dei documenti richiesti, possiamo fare però già le seguenti considerazioni. In una qualsiasi opera, e a maggior ragione in un’opera pubblica, il ruolo del direttore dei lavori è estremamente importante. Il D.L. - prosegue la nota - riveste un ruolo di ausilio alla Committenza, in questo caso dell’amministrazione di Latina, ed è preposto a sorvegliare sulla buona riuscita dell’opera, nonché a redigere importantissimi documenti come il verbale di inizio lavori e gli stati di avanzamento. Viene da sé che non ci può essere alcuna commistione tra il ruolo del D.L. e quello dell’attività imprenditoriale connessa all’opera stessa.

Nel caso della metro - spiega il comitato - rileviamo che il direttore dei lavori è l’ing. Vincenzo Surace. Ci risulta inoltre che una delle società costituenti Metrolatina è l’Atral Scarl, facente parte a sua volta del gruppo Cotral Spa. In pratica Cotral fa parte di Metrolatina, promotore della Metro, e perciò economicamente interessata  allo sviluppo dell’opera. Ci risulta inoltre che l’amministratore delegato della Cotral sia l’ing. Vincenzo Surace, che a meno di improbabili omonimie, è anche il Direttore dei Lavori della metro.

A noi - commenta ancora Metro Bugia nella nota - pare una condizione di palese conflitto di interessi. D’altra parte diritto e Giurisprudenza sono concordi nell’affermare che il D.L non possa trovarsi in alcuna condizione che possa influire sulla serenità e imparzialità nello svolgimento della sua azione. Ci chiediamo quindi: e per questo, o anche per questo, che sono stati spesi milioni di euro per la realizzazione dei vagoni prima di aver accertato la reale fattibilità dell’opera, atteso che le problematiche erano già state rese abbondantemente pubbliche dal comitato Metro Bugia?
Atteso che Direttore dei Lavori è una figura di grandissima rilevanza nel procedimento, ci pare lecito riflettere sulla legittimità di tale incarico e se tutto ciò abbia comportato una compromissione del fondamentale fattore “controllore-controllato” con ovvie ricadute, in termini negativi, sull’ iter dei lavori, con le conseguenze odierne che tutti conosciamo”.

“Questa che vi rappresentiamo oggi - concludono dal comitato - è purtroppo solo una delle tantissime e più volte elencate “stranezze” che abbiamo riscontrato in questi lunghi otto anni di attività e che continueremo nel futuro ad analizzare”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro, denuncia il comitato: “Doppio incarico per il direttore dei lavori”

LatinaToday è in caricamento