Cronaca

Metro leggera impossibile, tutti d’accordo ma è sempre polemica

Dopo le parole di Di Giorgi sull'"irrealizzabilità" del progetto, lo sfogo di Porcari: "Il sindaco dimentica che nel 2009 l'amministrazione, di cui faceva parte, ha votato l'approvazione"

Finalmente sono tutti d’accordo, ma questo non sembra aver gettato acqua sul fuoco. Anzi, quelle che dal Pd vengono considerate delle incoerenza dell’amministrazione, e in primo luogo di Di Giorgi, sembrano solo aver fomentato gli animi.

Il problema è legato alla Metro leggera, il cui progetto così come appare oggi, a distanza di due anni viene definito “irrealizzabile” anche dallo stesso primo cittadino del capoluogo. Un progetto dannoso che allo stato attuale non può essere portato avanti.

Ma immediata arriva la zampata del Pd: “Il sindaco però dimentica di dire che il 23 novembre 2009 la passata amministrazione comunale di Latina, della quale faceva parte anche lui, ha votato a maggioranza l’approvazione del progetto della Metro Leggera” ha dichiarato il consigliere Porcari.

I MOTIVI DEL NO DEL PD - L’esponente dell’opposizione non ha mancato poi di ricordare quali sono state le motivazioni che allora portarono il Pd a votare contro il progetto: primo fra tutti il fatto che “l’ipotetico numero di 8000 passeggeri giornalieri di media stimato dai nostri amministratori è irrealistico. E’ inaccettabile il fatto che, per garantire al privato l’incasso degli 8000 biglietti giornalieri, debba essere il comune e quindi i cittadini, a pagare; in secondo luogo è impensabile che all’interno di una politica nazionale di tagli indiscriminati ai servizi, la Metro di Latina possa avere un contributo maggiore di 7€/km quando la Metro di Roma ne percepisce poco di più di 1,5€/km. È facile capire come la differenza tra il finanziamento ipotizzato e quello realmente erogato dalla Regione lo deve garantire il comune e quindi i cittadini che si troveranno a pagare per erronei calcoli previsionali”.
 

LA POLEMICA – “Oggi il centrodestra ha il coraggio di rinnegare il progetto come se fosse stato calato dall’alto chissà da chi – precisa Porcari -. Peccato che il sindaco Di Giorgi era il presidente della commissione viabilità che ha approvato il progetto della Metro e non possiamo fare finta di non vedere che la stragrande maggioranza dei consiglieri che hanno votato a favore di questo progetto oggi siedono ancora sui banchi del consiglio comunale”.

“Da Luglio si è formata una commissione di esperti per studiare il miglior modo per uscire dal progetto senza incorrere nelle penali. Il sindaco presiede questa importante commissione, ma da luglio ad oggi si è riunita una sola volta – chiosa il consigliere del Pd -. Noi vorremmo che fosse data maggiore importanza a questo importante argomento e sollecitiamo il sindaco a riunire al più presto nuovamente la commissione e riferire nelle sedi deputate i risultati ottenuti tenendo presente che l'obiettivo da raggiungere è quello di non realizzare l'opera, così come progettata, e non pagare nessuna penale. Aspettiamo fiduciosi, oltre agli annunci, qualche atto concreto”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro leggera impossibile, tutti d’accordo ma è sempre polemica

LatinaToday è in caricamento