rotate-mobile
Cronaca

Minaccia di morte un collega con una pistola, arrestato un 46enne

In seguito ad un diverbio lo ha minacciato dicendogli che se fosse stato cacciato dall'azienda per colpa sua avrebbe utilizzato l'arma. Nell'auto aveva una calibro 9, in casa 100 proiettili

Dopo un diverbio lo ha aspettato fuori l’azienda per cui lavoravano entrambi e lo ha minacciato di morte con una pistola.

L’episodio si è verificato una paio di sere fa e ha visto protagonista un uomo incensurato di 46 anni arrestato nella serata di ieri dagli agenti della squadra mobile con le accuse di porto illegale di arma comune da sparo e minacce aggravate.

Secondo una prima ricostruzione delle forze dell’ordine, il 46enne, dipendente presso una locale azienda farmaceutica, ha atteso il collega con cui aveva avuto un diverbio fuori il posto di lavoro, poi puntandogli contro una pistola lo ha minacciato di morte dicendogli che se fosse stato cacciato dall’azienda per colpa sua, avrebbe utilizzato l’arma scaricandogli contro l’intero caricatore.

L’uomo, rintracciato presso la sede dell’azienda, è stato effettivamente trovato in possesso di una pistola semiautomatica calibro 9, nascosta nella sua auto, con caricatore inserito contenente 4 cartucce. Nella sua abitazione sono state rinvenute anche altre due scatole di 50 proiettili l’una, prontamente sequestrate.

Arrestato è stato tradotto presso la locale casa circondariale di via Aspromonte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia di morte un collega con una pistola, arrestato un 46enne

LatinaToday è in caricamento