Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Evade da comunità, il giudice lo rimanda al penitenziario minorile

Misura cautelare inasprita per un 16enne del capoluogo, appartenente a una nota famiglia rom: condannato per rapina aggravata, era fuggito da un istituto di Civitavecchia

Forse adesso ci penserà due volte prima di tentare la fuga, o forse no. Per lui sarà comunque ora più difficile tornare in libertà, perché il giudice lo ha rispedito al penitenziario minorile di Casal del Marmo. Il tribunale dei minori, su richiesta della Questura di Latina, ha infatti deciso di inasprire la misura di custodia cautelare nei confronti di A. C., 16 anni, appartenente a una nota famiglia rom, che il 13 agosto scorso era evaso dalla comunità cui era stato affidato.

Il giovane era stato associato all'istituto “Orchidea Blu” di Civitavecchia dopo che nello scorso aprile era stato arrestato, assieme a un complice, per rapina aggravata nei confronti di alcuni coetanei di Latina. Evidentemente insoddisfatto di passare il Ferragosto in comunità, aveva allora deciso di tentare la fuga. Ed era riuscito nell'intento.

Gli agenti della squadra mobile di Latina l'avevano però arrestato poche ore dopo, grazie alla segnalazione dei dipendenti della comunità per minori di Civitavecchia. Troppo facile per gli agenti di polizia capire dove il 16enne fosse finito: era infatti diretto verso casa e aveva preso il primo treno per Latina. Rintracciato nei pressi della stazione ferroviaria latinense attorno alle 21 dello stesso giorno, i poliziotti lo avevano nuovamente arrestato.

La Questura del capoluogo pontino stavolta ha chiesto però per il minorenne “una misura restrittiva più idonea alla personalità del soggetto”. L’istanza è stata accolta dal Tribunale per i minorenni, che ha emesso il provvedimento di custodia cautelare. Ora è stato associato presso l'istituto penitenziario minorile di Casal Del Marmo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade da comunità, il giudice lo rimanda al penitenziario minorile

LatinaToday è in caricamento