menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Monopolio del traffico di droga, 59 avvisi di garanzia dell'Antimafia

L'indagine ha portato alla luce una organizzazione che gestiva lo spaccio da Minturno in tutto il basso Lazio e parte della Campania

Un gruppo criminale aveva preso il monopolio del traffico di droga e, partendo da Minturno, gestiva il traffico di stupefacenti nell’intero basso Lazio arrivando a fare affari anche in Campania.  

A mettere fine all’attività dell’organizzazione è stata la Direzione distrettuale antimafia che ha inviato 59 avvisi di garanzia contestando complessivamente agli indagati, la maggior parte dei quali sono di Gaeta, Formia e Minturno, 125 capi di imputazione. Il periodo oggetto dell’indagine, condotta dal sostituto procuratore Stefano Luciano, va dal 2008 al 2015. A mettere in piedi l’organizzazione, perfettamente organizzata con una vasta rete di spacciatori e rapporti consolidati con i clan del napoletano e casertani, sarebbe stato Giuseppe Fedele, di Minturno, che era riuscito a controllare completamente la vendita di cocaina e hascisc.

I suoi stretti collaboratori per la vendita degli stupefacenti erano Ugo Emilio Di Nardo e Giovanni Cardillo mentre lo spaccio era stato affidato a Minturno a Domenico Castaldi, Mariano Palmieri, Alessio Carnevale, Massimo Di Toro, Umberto Somma, Angelo Fedele, Domenico Fimiani e Manuel Morlando; a Santi Cosma e Damiano aValentino Miosotis ed Erasmo Di Biasio; a Sessa Aurunca a Bruno Ambrogioni, a San Giorgio a Liri a Marco Oconi, a Sora a Edmondo Cirfi, a Formia a Salvatore Fustolo, Giovanni Pimpinella, Stefano Petricone e Marco Morabito; a Gaeta a Stefano Usei ed Eric Di Biase; a San Felice Circeo a Gianluca Calisi. Destinatari dell’avviso di garanzia anche Rossella Fedele, Lidia Caiazzo, Stefano Forte, Italo Laracca e Paolo Matano, Olindo Testa e Francesco Occhibove.

Tra i fornitori vi sarebbero appunto stati organici a clan camorristici: Gaetano Milano, Carmine D’Andrea, Agostino Tartaglia, Pasquale Gallo, Gennaro Sorrentino, Ignazio Piscitelli ed Espedito Abate.

A molti degli indagati viene contestata la modalità mafiosa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento