Cronaca

Sperlonga, morta la ragazza di 13 anni soccorsa nella piscina dell'hotel

Non ce l'ha fatta Sara Francesca Basso, la ragazzina che nel pomeriggio di ieri è stata risucchiata dal bocchettone della piscina

Non ce  l'ha fatta la ragazza di 13 anni, originaria di Frosinone, che ieri è stata soccorsa nella piscina di un hotel di Sperlonga, il Virgilio Grand Hotel, dopo essere stata risucchiata da una delle bocchette di asprazione della piscina. E' deceduta alle 4 della notte al policlinico Gemelli di Roma dove era stata trasportata ieri in eliambulanza.

La vittima è Sara Francesca Basso. Il corpo della piccola è ora a disposizione dell'autorità giudiziaria che disporrà l'autopsia anche per chiarire se la ragazza abbia avuto un malore prima dell'incidente in piscina. Sul caso stanno indagando i carabinieri che nel pomeriggio di ieri hanno sequestrato la piscina dell'albergo. La stessa struttura ricettiva a quattro stelle due anni fa era stata oggetto di un sequestro da parte di Guardia di Finanza e carabinieri per abusi edilizi.

Due anni fa il sequestro dell'Hotel

I fatti sono accaduti nel pomeriggio di ieri intorno alle 17. La studentessa originaria di Morolo stava facendo il bagno quando è stata risucchiata da una delle bocchette di aspirazione della piscina. Alcune persone si sono accorte della situazione e hanno cercato di tirarla via, ma la ragazzina aveva già bevuto moltissima acqua. La ragazza è stata rianimata e poi immediatamente trasportata in eliambulanza all'ospedale Gemelli, dove purtroppo è morta nella notte.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sperlonga, morta la ragazza di 13 anni soccorsa nella piscina dell'hotel

LatinaToday è in caricamento