menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due morti sulla Migliara 47: comunità di Sonnino in lutto. Allarme per le strade della provincia

L'incidente avvenuto ieri tra Sezze e Pontinia. Il consigliere Simeone torna a chiedere una task force in Regione

Una comunità in lutto, quella di Sonnino, per la morte di Giancarlo Lanni, 53 anni, e Alessio Pietricola, 33, entrambi deceduti nell'incidente stradale avvenuto ieri mattina sulla Migliara 47, tra Sezze e Pontinia. Stavano andando entrambi al lavoro e viaggiavano a bordo di una Citroen C2 che si è scontrata con una Mercedes condotta dall'imprenditore di Sezze Luigi Bucciarelli, 73 anni, rimasto gravemente ferito nell'impatto.

Le due vittime erano entrambe residenti a Sonnino, anche se il più giovane era originario di Terracina. Pietricola aveva trovato da poco lavoro in una ditta di stoccaggio che si trova a Cisterna. Ed era lì che i due si stavano recando per cominciare una giornata di lavoro. Ieri sul luogo dell'incidente e poi all'obitorio dell'ospedale si è recato anche il sindaco del paese Luciano De Angelis. 

Intanto, dopo l'ennesimo incidente stradale con esito mortale avvenuto sulle strade pontine, interviene il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone che riaccende i riflettori sul problema della sicurezza delle strade: “Assistiamo alla sequenza interminabile di incidenti sulle arterie in provincia di Latina. Sono vicino alle famiglie delle persone decedute sulla Migliara 47, ultimo fatto gravissimo accaduto sulla via limitrofa ai comuni di Sezze e Pontinia. Come pure resto tristemente colpito da altri sinistri avvenuti a Latina e Terracina. Dobbiamo registrare che a distanza di un mese dalla nostra richiesta di attivazione di una task force, nulla sembra cambiare"

"Le emergenze - prosegue Simeone - non si contano più. Pensiamo alla Pontina, alla Flacca, alla Monti Lepini, ridotte ad un colabrodo grazie alla totale assenza di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Ho inoltre la sensazione che nonostante le rassicurazioni, tutto si sia fermato. Non nascondo una certa amarezza, condita da una forte preoccupazione per una Regione che continua a sottovalutare, e a disinteressarsi dello stato di salute delle strade pontine, che a partire dalla Pontina, passando per la SR 156 (Frosinone – Latina), fino alla SR 630 (Cassino – Formia), sono simbolo di disagi costanti. Eppure io stesso in Consiglio avevo lavorato per soluzioni urgenti quanto condivise. Ricordo di aver presentato ordini del giorno con i quali si impegnava il presidente Zingaretti e la giunta regionale, ad effettuare tutte le procedure di monitoraggio, quantificazione dei costi e progettazione degli interventi necessari alla messa in sicurezza delle intersezioni a raso tra la S.S. 7 ‘Appia’ con la S.S. 156 ‘Monti Lepini’ e la S.P. ‘Epitaffio’ con la SS 7 ‘Appia’ nel Comune di Latina. Come a mettere in atto tutte le azioni necessarie, anche di concerto con il Comune di Fondi, per mettere in sicurezza via Ponte Tavolato per la connessione funzionale tra la SS7 -Appia e la strada provinciale Fondi–Sperlonga, anche al fine di  migliorare l’accessibilità al mercato ortofrutticolo di Fondi, alla zona industriale e alla stazione ferroviaria". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento