rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
L'analisi

Morti sul lavoro, Latina al 24esimo posto in Italia per numero di vittime

Nei primi dieci mesi di quest’anno sono state dieci le persone che hanno perso la vita nella nostra provincia

Sono ancora troppi i morti sul lavoro. E’ quanto emerge dai dati elaborati dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, che nella sua indagine fotografa la situazione del Paese regione per regione e lancia l’allarme sulle morti bianche in Italia. 
Nei primi dieci mesi di quest’anno – da gennaio a ottobre 2021 – sono già state superate le mille vittime e il settore delle costruzioni è quello che conta il maggior numero di lavoratori deceduti, 98 dall’inizio dell’anno. Seguono: attività manifatturiere (86), trasporto e magazzinaggio (81), commercio, riparazione di autoveicoli e motocicli (62). La fascia d’età più colpita dagli infortuni mortali sul lavoro è quella tra i 45 e i 64 anni. 

In questa classifica il Lazio si colloca al secondo posto tra le regioni italiane con 74 morti. Per quanto riguarda la provincia di Latina si trova al 38esimo posto nella graduatoria per indice di incidenza e sale invece al 24esimo posto per numero di infortuni mortali: nei primi dieci mesi di quest’anno sono state dieci le persone che hanno perso la vita sul luogo di lavoro con un indice di incidenza sul numero degli occupati – che ammontano a 209.460 in tutta la provincia – del 47,7%. Nel Lazio dopo Roma, con 48 infortuni mortali, c’è quindi Latina mentre Frosinone è al 34esimo posto con 8 morti, Rieti al 70esimo con 4 vittime e Viterbo al 73esimo sempre con 4 vittime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti sul lavoro, Latina al 24esimo posto in Italia per numero di vittime

LatinaToday è in caricamento