E' morto Pietro Ingrao, anche la provincia pontina in lutto

Nato a Leonla nel 1915 aveva compiuto 100 anni lo scorso 30 marzo; mercoledì 30 settembre alle 15 cerimonia civile nel comune pontino per salutare lo storico dirigente del Pci, e uno dei padri fondatori della Repubblica, che si è spento ieri a Roma

Anche la provincia pontina piange Pietro Ingrao, lo storico dirigente del Partito Comunista Italiano che si è spento nella giornata di ieri a Roma al culmine di una malattina.

Nato a Lenola nel 1915 da una famiglia di proprietari terrieri dell'alta borghesia locale, lo scorso 30 marzo aveva compiuto 100 anni; da giovane, dopo essersi formato a Formia dove ha frequentato il liceo classico, si è poi trasferito a Roma.

Politico, giornalista e partigiano italiano, Ingrao è stato un esponente di spicco dell'ala sinistra del Partito Comunista Italiano. Tra i padri fondatori della Repubblica, fu deputato per dieci legislature consecutive, tra il 1948 - dopo essere entrato nel comitato centrale del Pci - ed il 1992 - anno in cui chiese di non essere più candidato -, direttore del quotidiano “L’Unità” dal 1947 al 1957 e presidente della Camera dei Deputati dal 1976 al 1979.

Oltre alla politica dedicò la sua vita anche alle altre sue passioni, come arte, cinema, poesia e letteratura.

Iniziata la sua attività anti-fascista nel 1939, aderisce al Partito Comunista Italiano nel 1940 e partecipò attivamente alla Resistenza partigiana. Nel 1991 aderì al Pds, come leader dell’area dei Comunisti Democratici. Abbandonò il partito nel ’93, aderendo poi a Rifondazione comunista, in cui è rimasto iscritto fino al 2008. Tra la fine del secolo e i primi anni del nuovo millennio, Ingrao si è dedicato soprattutto all’attività di riflessione e di scrittura.

Lo scorso 30 marzo, in occasione dei suoi 100 anni, Lenola, paese natale di Pietro Ingrao, gli aveva dedicato due giorni di eventi. E, dopo i funerali di Stato che si terranno mercoledì 30 settembre alle 11 in piazza Montecitorio a Roma, nello stesso giorno proprio a Lenola alle 15 in piazza Cavour si terrà una seconda cerimonia civile per ricordare e per permettere alla comunità di salutare lo storico dirigente del Pci.

IL PRESIDENTE DELLA REGIONE NICOLA ZINGARETTI - “Con la scomparsa di Pietro Ingrao perdiamo uno straordinario uomo delle istituzioni che ha lasciato il segno nella storia politica del nostro Paese. Per la sinistra italiana ha rappresentato un punto di riferimento costante ed uno stimolo a concentrare gli sforzi verso i più deboli e la parte meno tutelata della società. Rivolgo ai suoi familiari le mie condoglianze e quelle della Regione Lazio”.

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DELLA PENNA - “Oggi la comunità della provincia di Latina perde un grande esponente politico del Novecento, Pietro Ingrao. Punto di riferimento straordinario per la sinistra e per tutto il mondo politico, capace di interpretarne i valori e di criticarne con sobrietà e grande intelligenza le contraddizioni” ha così commentato il presidente della Provicia Eleonora Della Penna con un post sulla sua pagina facebook. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina: 149 i nuovi casi in provincia, ma i guariti sono 190. Altri 4 decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento