Natale, messa a Fossanova per le istituzioni e le comunità dei Monti Lepini

La santa messa officiata dal vescovo Crociata domenica 27 dicembre nell’abbazia di Fossanova; l’iniziativa promossa dalla Compagnia dei Lepini con il fine di istituireun momento di incontro e raccoglimento tra sindaci, amministratori e le comunità locali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Si è tenuta, domenica 27 dicembre, la Santa Messa celebrata da S.E. Mons. Mariano Crociata Vescovo di Latina presso l’Abbazia di Fossanova e dedicata alle ‘istituzioni e Comunità dei Monti Lepini’.

L’iniziativa è stata promossa dalla Compagnia dei Lepini con il fine di istituire, nell’ambito delle festività natalizie, un momento di incontro, di raccoglimento e di scambio di auguri tra i Sindaci e Amministratori del Territorio e le Comunità locali in un contesto di forte valenza spirituale. Una occasione che per il presidente della Compagnia dei Lepini Quirino Briganti “abbiamo voluto avviare nell’Anno del Giubileo della Misericordia e che mi auguro si trasformi in una tradizione che favorisca un ritrovato sentimento di appartenenza e di identità territoriale per i cittadini così come per le istituzioni”.

Tanti i Sindaci e Amministratori presenti, tanti i dirigenti delle associazioni economiche e culturali, tanti i cittadini che hanno voluto partecipare.

Il Vescovo di Latina ha voluto sottolineare, durante l’omelia, l’importanza di momenti come questi che rendono più chiaro il valore della comunità e la responsabilità di operare per una prospettiva di bene comune perseguibile attraverso la condivisione e la compartecipazione.

Al termine della funzione il Presidente Quirino Briganti ha fatto dono al Vescovo di una recente pubblicazione sulla ‘Biodiversità dei Monti Lepini’ ricordando che la prospettiva unica verso cui possiamo lavorare è quella di uno sviluppo sostenibile che può essere realizzato a condizione che prendiamo coscienza delle straordinarie bellezze e ricchezze del territorio in cui viviamo e che trovano una mirabile sintesi proprio nell’elemento della biodiversità. La funzione è stata animata dalla Corale San Carlo da Sezze che ha poi tenuto una breve esibizione di canti natalizi.

Tutto si è concluso con lo scambio di auguri e un brindisi con i prodotti offerti dalle aziende di Cincinnato e Marco Carpineti di Cori, con il torrone offerto dall’Antica Norba di Norma e i panettoni offerti dal Vapoforno Reggio di Carpineto Romano. L’organizzazione logistica è stata curata dal vicepresidente Slow Food Lazio coadiuvato dal gruppo promotore la costituenda condotta Slow Food di Sezze.  
 

Torna su
LatinaToday è in caricamento