rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
La tragedia

Incidente durante la fase di atterraggio: morto un paracadutista

La vittima è Roberto Serra, 57 anni. L'uomo è deceduto a qualche ora dal ricovero in ospedale. Aveva riportato fratture e un'emorragia cerebrale

Si era lanciato con il paracadute dall'avio superficie del Crazy Fly, a Nettuno ma ha perso la vita doipo essere precipitato al suolo durante la fase di atterraggio. L'incidente è avvenuto nella giornata di abato 11 febbraio, proprio nella zona di Nettuno. A perdere la vita Roberto Serra, 57enne di Ostia, deceduto alcune ore dopo il ricovero all'ospedale San Camillo di Roma dove era stato trasportato d'urgenza.

L'uomo aveva riportato diverse fratture agli arti e un'emorragia cerebrale. Il suo cuore ha smesso di battere nonostante i tentativi dei sanitari. Ora la dinamica dell'incidente è al vaglio degli inquirenti. Sul posto gli agenti di polizia del commissariato di Anzio, che hanno sequestrato il paracadute e altre attrezzature del 57enne. Secondo le prime ricostruzioni Serra, paracadutista esperto, aveva effettuato un lancio senza problemi dal piccolo aereo Pilatus in uso al Crazy Fly di Nettuno ma qualcosa non ha funzionato nella fase di atterraggio. Non si esclude che l'uomo possa aver avuto un malore.

Tanti gli appassionati del mondo del paracadutismo che lo conoscevano e che lo hanno ricordato. La Società Sportiva Lazio Paracadutismo (le immagini pubblicate sul profilo Facebook) e l'Aero Club Real Lazio lo hanno ricordato sui social: "Aveva iniziato l’attività di paracadutismo con la Lazio ai Pratoni del Vivaro ne 2001. Roberto era un atleta e ha partecipato a diversi campionati italiani di formazioni in caduta libera per poi passare alla disciplina del Free Fly, istruttore di paracadutismo molto meticoloso. Le nostre condoglianze a tutta la famiglia. Vola libero Roby".

Roberto Serra

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente durante la fase di atterraggio: morto un paracadutista

LatinaToday è in caricamento