Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Nonnismo alla scuola di volo, il legale di Giulia Schiff: "Tra i testimoni l’ex ministro della Difesa Trenta"

La richiesta dell'avvocato Strampelli. Il 20 marzo la prossima udienza del processo in corso in Tribunale a Latina e nato dalla denuncia dell’ex allieva dell’Aeronautica militare: "Incalcolabile il danno alla mia dignità e alla mia serenità"

E’ fissata per il 20 marzo in Tribunale a Latina la prossima udienza del processo per nonnismo nato dalla denuncia dell’ex allieva dell’Aeronautica militare Giulia Schiff all'epoca tutti in servizio presso il 70esimo Stormo di Latina. La difesa di Giulia Schiff ha chiesto di ascoltare come testimone l'ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta. "C'è un'indagine in corso, chi deve pagare pagherà", aveva detto all'epoca l'ex titolare del dicastero e ora l'avvocato Massimiliano Strampelli, legale di Giulia Schiff, vuole che venga sentita sul banco dei testimoni. "Abbiamo citato il ministero della Difesa come responsabile civile perché contestiamo una responsabilità ai comandi intermedi ossia di chi doveva vigilare e non lo ha fatto", ha sottolineato all'Adnkronos il legale puntando a dimostrare che il rito "era 'imposto' agli allievi dissenzienti pur non essendo espressamente previsto dai regolamenti di forza armata".

Tutto ruota intorno al “battesimo del volo”, rito di passaggio per chi diventa pilota; il processo si celebra davanti al Tribunale di Latina nei confronti di otto allievi con le accuse di violenza privata e lesioni personali con l’aggravante del concorso. Secondo Schiff non si è trattato di una “goliardata” tanto da aver raccontato di aver subito percosse e frustate prima del consueto finale, gettata nell'acqua della piscina. Da allora l'ex allieva ha cambiato vita: partita per l'Ucraina dall'inizio dell'invasione russa per arruolarsi come volontaria alla Legione Internazionale dell'intelligence ucraina, poi nel team Masada con l’esercito di Kiev e successivamente nelle Forze Speciali della Legione Internazionale, nelle scorse settimane ha annunciato di essersi sposata e di aver smesso di combattere per dedicarsi alla beneficenza e a missioni umanitarie con suo marito, fondando una organizzazione a sostegno sia di civili che di militari. 

Ma per la prossima udienza del processo sarà in Italia. "Oltre ad aver cambiato vita sono anche cambiata io stessa - ha raccontato all'Adnkronos Giulia Schiff -. Grazie all’Ucraina ho maturato una importante consapevolezza di quella che è la fermezza della mia volontà. Ricordo quel giorno di aver insistentemente cercato di divincolarmi, ma senza successo, tanto quanto ricordo la mia forza era filtrata dalla paura di essere esclusa se mi fossi sottratta dal rito contro gli ordini".

"Provo disgusto per come una bellissima tradizione sia stata storpiata da azioni malsane e degradanti - ha sottolineato l'ex sergente, che fu poi espulsa dall'Aeronautica militare -. Il danno alla mia dignità e alla mia serenità persa negli anni successivi è incalcolabile. Spero che l’immagine e professionalità di tutti i nostri ufficiali piloti venga ripulita con una grande prova di giustizia nei confronti di coloro che sono ancora impuniti".

L'udienza del 20 marzo potrebbe rivelarsi importante: L’avvocato Strampelli ha chiesto che venga visionato il video integrale del "battesimo del volo” e “che Giulia testimoni indicando cosa le è stato fatto. Ci aspettiamo dunque una piena ricostruzione dei fatti con il video alla mano". Intanto il tempo passa e il legale intravede anche "un rischio prescrizione. Ci auguriamo non accada e proprio per questo chiederò una calendarizzazione più serrata delle udienze", ha concluso.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nonnismo alla scuola di volo, il legale di Giulia Schiff: "Tra i testimoni l’ex ministro della Difesa Trenta"
LatinaToday è in caricamento