rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Nulla osta sismico, incontro il 29 ottobre presso la Curia Vescovile

Organizzato dall’Ordine degli Ingegneri e l’Ordine degli Architetti di Latina; al centro del dibattito il nuovo procedimento per l’ottenimento del Nulla Osta sulle pratiche presentate al Genio Civile

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

L'Ordine degli Ingegneri e l’Ordine degli Architetti di Latina hanno organizzato, unitamente alla Regione Lazio, un incontro che si terrà lunedì 29 ottobre 2012 alle ore 15 presso la Sala Conferenze della Curia Vescovile di Latina, durante il quale il personale della Società incaricata dalla Regione per la gestione del sistema Sitas darà una dimostrazione pratica delle procedure  informatiche.

La Regione Lazio con il Regolamento  n.2  del  07/02/2012relativo allo "Snellimento delle procedure per l'esercizio delle funzioni regionali in materia di prevenzione del rischio sismico", adottato con deliberazione della Giunta Regionale n.10 del 13/01/2012 ha istituito, a decorrere improrogabilmente dal primo gennaio 2013, un nuovo procedimento per l'ottenimento del Nulla Osta sismico sulle pratiche presentate al Genio Civile.

Tale procedimento prevede una serie di adempimenti di carattere informatico che rappresentano l'unico sistema con il quale si consentirà il regolare svolgimento della pratica. Una procedura atta a facilitare il lavoro dei tecnici con lo snellimento del procedimento burocratico che potrà avvenire per via telematica senza l’invio di materiale cartaceo, con evidenti vantaggi anche per i committenti e i tecnici del Genio Civile.

L'incontro, al quale parteciperanno anche gli altri Collegi tecnici, vedrà la partecipazione dell'architetto Luciano Manfredi, Direttore Regionale Infrastrutture e dell'Ingegner Filippo Milazzo, Dirigente del Genio  Civile di Latina, i quali illustreranno i punti salienti del nuovo Regolamento, a cui seguirà la dimostrazione pratica della Società CSA srl sulla procedura di accreditamento per esaminarne i vari passaggi nell'ambito dello stesso sistema.

Dal  1.1.2013 le richieste di autorizzazione sismica potranno essere consegnate esclusivamente tramite procedura informatica, attraverso il “Sistema informatico trasparenza autorizzazioni sismiche  -  S.I.T.A.S.”,  il cui obiettivo è la semplificazione e l'ottimizzazione dell'iter procedurale attraverso l’eliminazione della documentazione cartacea e la realizzazione di strumenti informatici che consentono l'automazione dei processi lavorativi (distribuzione del  carico di lavoro fra gli operatori,  verifica  in  tempo  reale  delle  fasi  di  lavorazione,  riduzione  degli  errori,  miglioramento della collaborazione e della qualità del servizio, riduzione dei costi di gestione).

Tra le altre novità, si segnala che le opere strutturali sono suddivise in due tipologie: quelle che necessitano di autorizzazione sismica e quelle non soggette ad autorizzazione sismica.

Quelle soggette ad autorizzazione sismica a loro volta si dividono in due tipologie di opere: quelle  che necessitano di controllo (e quindi di sorteggio, controllo e poi autorizzazione sismica) e quelle  che non necessitano di controllo (e quindi ricevono in automatico la autorizzazione sismica dopo la  consegna al Genio Civile).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nulla osta sismico, incontro il 29 ottobre presso la Curia Vescovile

LatinaToday è in caricamento