Cori: no alla nuova cava di Monte Maiurro, scatta la manifestazione di protesta

La manifestazione mercoledì 3 febbraio. Saranno presenti gli amministratori comunali di Cori, i volontari ambientalisti del Circolo Legambiente "Cora Viridis" e del Comitato "No Cava", insieme ai primi cittadini di altri comuni pontini

Protesta contro l'apertura della nuova cava di calcare a Cori, nei pressi del Monte Maiurro recentemente autorizzata dagli uffici della Regione Lazio.

La manifestazione, promossa da Circolo Legambiente "Cora Viridis", l'amministrazione comunale di Cori e il Comitato "NO Cava" è in programma per domani, mercoledì 3 febbraio, alle 11 in via San Nicola, in località fosso Scolaguardia. Sarà presente il sindaco Tommaso Conti, i suoi assessori e consiglieri, e i volontari ambientalisti. Tra gli invitati i primi cittadini di: Sermoneta, Maenza, Sezze, Pontinia, Norma, Roccasecca, Bassiano e Carpineto Romano.

Sulla scia delle iniziative intraprese dal Comune di Cori e della mozione approvata in Consiglio comunale il mese scorso, "l'azione vuole ribadire la contrarietà della comunità locale e di altre realtà provinciali a questo e ad ulteriori sfregi al paesaggio, in un territorio che aveva finora retto al proliferare indiscriminato di escavazioni, in una regione, il Lazio, tra le più scavate d'Italia, come conferma uno degli ultimi rapporti nazionali del Cigno Verde, che nelle prossime settimane terrà altri presidi nelle zone più sensibili della provincia di Latina" spiega l'amministrazione comunale di Cori.

"In un periodo in cui l'edilizia è in forte calo non vi è alcun rilevante interesse socio economico sovracomunale a procedere, e nel caso specifico l'eventuale presenza di tre cave in un fazzoletto di terra (Monte Maiurro, Contrada Perunio, Colle Medico) potrebbe addirittura aprire la strada all'ipotesi di costituzione di un polo estrattivo, che significherebbe poter continuare a scavare ad oltranza. Una situazione ancor più grave se si pensa all'irrisorio ritorno di benefici per la collettività derivante dall'attività estrattiva, ed anche in questo caso il Lazio detiene un primato negativo.

Allo stesso tempo - prosegue il Comune di Cori - si punta a riportare l'intera materia al centro dell'attenzione e della decisione politica, per evitare che scelte così rilevanti continuino ad essere demandate ai burocrati regionali senza alcun controllo politico. La potestà programmatoria in questo settore spetta esclusivamente ai Comuni, nell'ambito del Piano Regionale delle Attività Estrattive. Per questo motivo - conclude l'amministrazione - si rinnova l'invito alla Regione Lazio a rimettere il tema cavazione in cima alla sua agenda politica, a ripensare le modalità di programmazione dell'attività estrattiva e a rivedere la normativa di riferimento".

monte_miurro_attuale_cava_nuova-2 cava_colle_medico_cori-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento