Case popolari, recuperato un altro alloggio occupato dai Di Silvio. Riconsegnato all’Ater

Si tratta di un'alloggio in via Pionieri della Bonifica; gli occupanti, che vi vivevano dal 2007, lo hanno liberato prima che si procedesse allo sgombero riconsegnano le chiavi all'Ater. Recuperata anche una casa sequestrata ad Alessandro Zof

Continua a portare risultati positivi il protocollo firmato meno di un mese fa da Questura di Latina e Ater relativo al contrasto alle occupazioni abusive degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Dopo l’alloggio di via G.B. Grassi, rientrato da qualche giorno nella disponibilità dell’azienda, un altro appartamento di edilizia popolare, che nel 2007 era stato occupato abusivamente da alcuni componenti della famiglia Di Silvio, è stato recuperato

Si tratta di una casa in via Pionieri della Bonifica, che gli occupanti hanno liberato prima che si procedesse allo sgombero riconsegnando le chiavi all’Ater.

“L’accesso all’abitazione è stato già messo in sicurezza, sarà ora il Comune di Latina a dover provvedere per destinarlo agli aventi diritto in graduatoria, mediante apposito decreto di assegnazione” spiegano dalla Questura.

Anche l’abitazione popolare che la Squadra Mobile nei mesi scorsi ha sequestrato ad Alessandro Zof, nell’ambito delle indagini seguite al tentato omicidio del 06 marzo a San Felice Circeo, è tornata definitivamente all’Ater ed è già nella disponibilità del legittimo assegnatario.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

Torna su
LatinaToday è in caricamento