Occupazione di pubblico demanio marittimo: doppia operazione a Gaeta e Ventotene

L'attività della guardia costiera di contrasto all'occupazione abusiva di spiaggia libera e di specchio acqueo sul litorale di Sant'Agostino a Gaeta e nella zona portuale dell'isola pontino. Scattano i sequestri

Il sequestro a Ventotene

Doppia operazione della guardia costiera di Gaeta nell’ambito della prevenzione e repressione di condotte illecite ai danni del pubblico demanio marittimo

Il blitz nella giornata di ieri a Gaeta e Ventotene per il contrasto all’occupazione abusiva di spiaggia libera e di specchio acqueo. 

GAETA - Il personale impegnato sul litorale di Sant’Agostino ha accertato che oltre 20 metri di porzione di arenile libero era stato già occupato attraverso l’arbitrario posizionamento di attrezzature balneari, senza che le stesse fossero state preventivamente noleggiate da bagnanti. Per questo motivo, una volta identificato il responsabile, tutto il materiale posizionato abusivamente sull’arenile, oltre 50 tra lettini, sdraio e ombrelloni, è stato rimosso e posto sotto sequestro penale.

Denunciato a piede libero il trasgressore per il reato di abusiva occupazione del pubblico demanio marittimo. 

sequestro_guardia_costiera_gaeta_24_08_16-2

VENTOTENE - Un’altra operazione è poi scattata a Ventotene dove il personale della guardia costiera di Ventotente, con i militari della guardia costiera di Gaeta, ha eseguito, su delega della Procura di Cassino, il sequestro di circa 200 metri di specchio acqueo in cui erano ormeggiate 28 unità da diporto nella zona portuale dell’Isola. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il provvedimento dell’autorità giudiziaria - spiegano dalla capitaneria di porto di Gaeta - ha avuto origine da una serie di accertamenti con i quali è stata appurata l’abusiva occupazione, a scopo di lucro, da parte di due privati di specchio acqueo destinato all’ormeggio di natanti di proprietà dei residenti dell’isola, ma in realtà occupati, da altre imbarcazioni, in violazione della specifica destinazione d’uso dell’area posta sotto sequestro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

  • Coronavirus, contagi inarrestabili: altri 181 casi nel Lazio e 23 in provincia di Latina

  • Coronavirus: altri 19 casi in provincia, record a Cisterna. Un paziente morto per covid

  • Coronavirus: 10mila tamponi e altri 230 casi nel Lazio. In provincia 15 contagiati in più

  • Coronavirus Latina: casi positivi in due scuole elementari, chiuse quattro classi

  • Coronavirus Latina, la curva dei contagi non si ferma: altri 24 casi in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento