menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziana aggredita in casa, l'autopsia conferma: uccisa a calci e pugni

Prende sempre più corpo l'ipotesi della rapina. Gli esperti del Ris tornano nella villetta di via Selciatella ad Aprilia. Al vaglio telecamere e tracce isolate nell'abitazione. Rabbia tra i residenti

Un violento pestaggio a mani nude: è quanto conferma l'autopsia svolta sul corpo della povera Rosa Grossi, l'87enne aggredita nella sua villetta di vial Selciatella ad Aprilia giovedì notte e morta il giorno dopo in ospedale.

L'esame autoptico è stato svolto ieri dal medico legale Silvestro Mauriello ed ha confermato le prime risultanze, nessuna arma da taglio ma contusioni e fratture provovate a mani nude: fatale i colpi inferti al capo che hanno provocato una profonda emorragia cerebrale che non ha lasciato scampo alla donna, la quale ha riportato anche diverse fratture in tutto in corpo.

Dopo essere intervenuti nell'immediato, gli esperti del Ris sono tornati nella villetta isolata alla periferia di Aprilia per repartare diverse tracce, concentrandosi sugli ingressi dell'abitazione. Ancora da capire con esattezza cosa sarebbe stato portato via da casa della donna. 

Intanto le indagini condotte dai carabinieri del Reparto Territoriale di Aprilia e del nucleo investigativo di Latina, coordinate dal sostituto procuratore Marco Giancristofaro, possono contare anche sui filmati di alcune telecamere poste nelle vicinanze, nella speranza che abbiano immortalato l'assassino o gli assassini dell'anziana.

I funerali di Rosa Grossi si terranno lunedì alle 15,30 nella chiesta di Campoverde.

L'espisodio ha sucitato una forte reazione di rabbia tra i residenti, che da tempo lamentano l'assenza di sicurezza nella zona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, giù i contagi: sono 50 in provincia ma con tre decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento