Anziana pestata in casa ed uccisa ad Aprilia, fermato il figlio. Ha confessato

Nella notte la svolta nelle indagini sull'efferato omicidio dell'88enne Rosa Grossi, aggredita e picchiata nella sua abitazione a Campoverde lo scorso 10 giugno e poi deceduta in ospedale. Fermato il figlio della donna che poi ha confessato il delitto

E’ stato identificato e fermato dai carabinieri il presunto autore dell’omicidio di Rosa Grossi, l'anziana picchiata nella sua abitazione e uccisa a Campoverde poco meno di un mese fa. 

Si tratta del figlio 63enne della vittima sottoposto a fermo dai carabinieri. 

Nella notte la svolta nelle indagini condotte dai militari della locale stazione insieme ai colleghi del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del comando provinciale e avviate subito dopo l’assassinio dell’88enne avvenuto lo scorso 10 giugno nell’abitazione di via Selciatella ad Aprilia. 

La donna era stata trovata agonizzante nella sua camera da letto proprio dal figlio ed era poi deceduta all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina a causa delle gravi ferite riportate. 

Nel corso delle indagini sono emersi, spiegano dal comando provinciale dei carabinieri, “gravi indizi di colpevolezza nei confronti di un familiare della signora”.

Sottoposta a fermo di indiziato, l'uomo, uno dei figli della donna, è stato sentito dai carabinieri e avrebbe reso piena confessione, e avrebbe confermato poi le dichiarazioni all’autorità competente che ne ha disposto il fermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento