Delitto Santi Cosma e Daminao, colpo di scena: spunta un testimone

Un minorenne si è recato presso la caserma dei carabinieri di Formia; ha raccontato di essere presente in via Vellota al momento dell'omicidio. Eseguita l'autopsia sul corpo della vittima

Colpo di scena. Arrivata nelle utlime ore la svolta nell’omicidio di Santi Cosma e Damiano.

Nel pomeriggio di ieri, infatti, è spuntato un testimone, un giovane minorenne che avrebbe raccontato di essere presente in via Vellota lo scorso sabato 18 febbraio alle 23 quando Mirko Pascale, reo confesso, ha ucciso il 31enne autotrasportatore Fiore Pandolfo con 12 colpi di pistola.

Il ragazzo si è recato ieri dai carabinieri di Formia per raccontare tutto; ha riferito di trovarsi in macchina con il 23enne autore del delitto quzando questi ha scaricato i due caricatori contro quello che era il fratello del suo rivale in amore.

Per ora il giovane è l’unico testimone dell’atroce omicidio e dalle sue parole potrebbero emergere nuovi particolari utili per chiarire meglio alcuni nodi ancora irrisolti.

Intanto nella giornata di ieri è stata svolta l’autopsia sul corpo di Fiore Pandolfo; secondo i primi risultati è emerso che il 31enne sarebbe stato ucciso con dei colpi sparati da vicino e sarebbe morto sul colpo.

Per questa mattina sono invece previsti i funerali dell’autotrasportatore presso la chiesa di Campomaggiore, mentre contemporaneamente Mirko Pascale sarà ascoltato in carcere dal Gip.

Ricordiamo che il 23enne subito dopo il delitto aveva raccontato di aver ucciso perché da tempo intimidito dal Pandolfo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • Investimento mortale sui binari, sospesa la circolazione dei treni sulla Roma-Napoli

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

Torna su
LatinaToday è in caricamento