rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca

Omicidio Giuroiu: "Ucciso per dimostrare la forza criminale dei Travali"

Nel processo davanti alla Corte di assise il pentito Agostino Riccardo racconta di come venne presa la decisione di uccidere la vittima

Parola al pentito Agostino Riccardo nell’udienza del processo per l’omicidio di Nicolas Adrian Giuroiu, il 28enne rumeno rapito a borgo Sabotino a marzo 2014, ucciso a colpi di pistola e poi nascosto in una vasca per liquami di un’azienda agricola di Cisterna.

Davanti alla Corte di assise di Latina presieduta da Gian Luca Soana il collaboratore di giustizia ha ricostruito le modalità del delitto del quale sono chiamati a rispondere i fratelli Angelo e Salvatore Travali oltre a Manuel Ranieri, già condannato nel 2015 all’ergastolo per omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dai futili motivi e dalla crudeltà.

iccardo, esaminato prima dal pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia Corrado Fasanelli poi dagli avvocati della difesa Giancarlo Vitelli, Italo Montini e Camillo Irace, ha confermato che il rumeno venne ucciso perché faceva prostituire alcune ragazze tra le quali quella legata a Manuke Ranieri. "L’omicidio – ha raccontato in video collegamento – fu deciso nel corso di una riunione alla quale hanno partecipato, oltre a me, i fratelli Travali, Renato Pugliese e Francesco Viola". Poi ha aggiunto che Pugliese gli aveva riferito la dinamica dell’uccisione: lo speronamento dell’auto sulla quale viaggiava da parte di quella di Ranieri con la Smart bianca a bordo della quale viaggiavano i Travali a fare da staffetta. E furono sempre questi ultimi a fornire le armi, delle quali avevano grande disponibilità, per uccidere Giuroiu. Un gesto eclatante che doveva servire per far capire la forza dei Travali stessi e il loro potere di fuoco nel capoluogo pontino. Non sono mancati scontri verbali tra il pentito e gli avvocati della difesa che contestano la'ttendibilità del collaboratore di giustizia.?omicidio>

Il processo è stato aggiornato al 12 gennaio prossimo quando sarà ascoltato, Adrian Ginca, condannato a trenta anni di reclusione per questo omicidio nel processo che si è svolto con rito abbreviato, pena che sta scontrando in un carcere della Romania dal quale sarà collegato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Giuroiu: "Ucciso per dimostrare la forza criminale dei Travali"

LatinaToday è in caricamento