Omicidio Pompili: Gloria era sola e indifesa, il pm chiede condanne per 60 anni di carcere

La requisitoria dell'accusa per la zia Loide Del Prete, il compagno di lei e il marito dela vittima

Sessanta anni di carcere. Questa la richiesta di condanna avanzata dal procuratore aggiunto Carlo Lasperanza questa mattina nel processo per l’omicidio di Gloria Pompili che si celebra davanti alla Corte di Assise di Latina.

Nella sua requisitoria il rappresentante dell’accusa ha ricostruito in maniera sintetica non soltanto i fatti ma il clima nel quale è maturata e si è consumata la morte della giovane, uccisa a botte il 23 agosto 2017 su via dei Monti Lepini ed ha concluso chiedendo una condanna a 24 anni di carcere ciascuno per Loide Del Prete, zia della vittima e il compagno di quest’ultima, l’egiziano Saad Mohamed Elesh Salem chiamati a rispondere di omicidio con le aggravanti di aver agito in presenza dei figli minori della vittima e con particolare crudeltà e di maltrattamenti sia su Gloria che sui due figli: per loro ha sollecitato anche ulteriori tre anni di libertà vigilata e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per quanto riguarda invece Hady Saad Mohamed, marito di Gloria e fratello dell’altro imputato, accusato soltanto di maltrattamenti in famiglia, il sostituto procuratore ha chiesto una condanna a dodici anni di carcere. Non senza avere prima sottolineato come la giovane vittima, morta per difendere i suoi figli, sia stata lasciata sola nella sua gracilità e incapacità di difendersi. “La zia non l’ha mai aiutata – ha detto in aula il pm – e questa non è stata una disgrazia: in questo processo si accavallano una valutazione penale ed un giudizio di carattere morale”.

Da parte sua Saad Mohamed Elesh Salem ha voluto rilasciare spontanee dichiarazioni per ribadire di non essere stato lui a uccidere Gloria e per chiedere di non essere condannato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Corte, presieduta da Gian Luca Soana ha poi rinviato all’udienza dell’11 ottobre prossimo quando la parola passerà al collegio di difesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Tragedia a Latina, precipita dal 14esimo piano del grattacielo Pennacchi: muore un ragazza

  • Coronavirus Latina, tornano a crescere i casi: 42 in provincia. Sono 110 i ricoverati

  • Coronavirus, nuovo record in provincia: 78 casi in un giorno. Solo a Latina 35 contagi

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento