Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Minturno

Professore trovato carbonizzato in auto, un fermo per omicidio e distruzione di cadavere

La vittima è un insegnante di scienze motorie di 58 anni di Cellole che lavora a Minturno; l’omicidio nel casertano. Subito una svolta nelle indagini dei carabinieri

E’ di un insegnante di scienze motorie di 58 anni di Cellole che lavora a Minturno il corpo trovato carbonizzato nella mattinata di ieri, sabato 4 novembre, nei pressi della Pineta di Cellole, in località Pietre Bianche nel casertano. 

Il corpo si trovava all’interno di un’auto, una Dacia Duster vecchio modello intestata a una donna di 83 anni di Cellole; a lanciare l’allarme era stato un pescatore che aveva notato la vettura completamente annerita dalle fiamme. Subito l’attenzione degli investigatori si era concentrata sul figlio 58enne dell'anziana intestataria della vettura, Pietro Caprio, di cui non si avevano notizie da quasi 24 ore ormai. Il mistero sull’identità della vittima è stato sciolto dopo che, come riporta CasertaNews, i resti anneriti della vittima sono stati portati all'istituto di medicina legale di Caserta e comparati con gli impianti dentari e protesi ossee dell’uomo di cui si erano perse le tracce, con esito positivo. 

La vittima dell’omicidio 

Il professore, anche socio di una cooperativa di salvataggio attiva sul Litorale Domizio, è quindi la vittima dell'efferato delitto. Di lui si erano perse le tracce dal tardo pomeriggio di venerdì 3 novembre quando è stato inviato un ultimo messaggio alla presidente della cooperativa balneare di cui era socio per incontrarsi di lì a poco. Incontro al quale il 58enne non si è mai presentato, perché presumibilmente già stato assassinato. Neanche la madre ne aveva avuto più notizie dopo averlo aspettato per cena senza che l’insegnante facesse invece mai ritorno a casa. 

Le indagini e le prime ipotesi sul movente 

Ora la Procura di Santa Maria Capua Vetere ha aperto un fascicolo d'inchiesta per omicidio; le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Sessa Aurunca e del nucleo investigativo di Caserta. Il movente potrebbe essere legato al “grosso movimento di soldi” gestito dal 58enne grazie alla società di cui era partecipe tanto da consentirgli di elargire "prestiti".

Un fermo dei carabinieri 

E il lavoro dei militari ha portato subito a una prima svolta. Come riportano sempre i colleghi di CasertaNews, nella mattinata di oggi un uomo di 84 anni di Baia Domizia, è stato sottoposto a fermo di indiziato delitto; è accusato di omicidio e distruzione di cadavere, secondo quanto ricostruito dai sostituti procuratori Chiara Esposito e Gionata Fiore che hanno firmato il provvedimento restrittivo. I carabinieri della compagnia di Sessa Aurunca sono risaliti a lui grazie alle telecamere di videosorveglianza di via Pietre Bianche dalle cui immagini si nota la vettura dell'anziano, una Fiat Palio, che si affianca a quella della vittima in direzione del canneto presente in quella località. Dopo circa 20 minuti dai filmati si vede solo la vettura dell’indagato andare via.

Secondo i primi riscontri, Caprio sarebbe stato attinto da colpi di arma da fuoco prima dell’incendio. Sentito dai pubblici ministeri per 4 ore in sede di interrogatorio, l’84enne, assistito dal suo legale Gabriele Gallo, ha ammesso di conoscere la vittima dal 2002, anno in cui Pietro Caprio gli avrebbe “prestato” 10.000 euro la cui ultima “rata di estinzione” risale a qualche settimana fa. Ha però negato di aver utilizzato l'auto nel pomeriggio di venerdì 3 novembre, fascia oraria in cui si è consumato il delitto. Gli inquirenti non hanno creduto alla versione dell’indagato, associato al carcere di Santa Maria Capua Vetere. Nei prossimi giorni sarà svolta l'udienza di convalida del fermo. Nel corso degli accertamenti, a casa dell’indagato sono stati ritrovati due fucili da caccia a doppietta che ora sono al vaglio dei ris del comando provinciale di Caserta per appurare se abbiano correlazioni con la causa del decesso di Caprio. Sequestrata la vettura dell'84enne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Professore trovato carbonizzato in auto, un fermo per omicidio e distruzione di cadavere
LatinaToday è in caricamento