Omicidio di Willy Monteiro, il sindaco di Cori: "Violenza inaudita, revoca della licenza per la frutteria di Bianchi"

Il primo cittadino Mauro De Lillis interviene sul caso. A Cori uno degli arrestati, Gabriele Bianchi, aveva aperto un'attività commerciale. I sindaci pontini aderiscono all'iniziativa dell'Anci: bandiere a mezz'asta nel giorno dei funerali

Pestato dal branco perché aveva provato a sedare una lite. Willy Monteiro Duarte, 21 anni di Paliano (in provincia di Frosinone), è morto così poco dopo le 3 del mattino di domenica 6 settembre a Colleferro, comune nella provincia di Roma. E' stato preso a calci e pugni e i carabinieri hanno fermato quattro giovani di Artena, arrestati con l'accusa di omicidio preterintenzionale in concorso. Si tratta di Francesco Belleggia 21 anni, Mario Pincarelli 22 anni, e i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, 26 e 24 anni. Proprio quest'ultimo era stato anche intervistato al Tg regionale come modello di imprenditore per aver aperto nel centro storico di Cori una frutteria in piena emergenza Covid. Sul caso il sindaco di Cori Mauro De Lillis ha preso una posizione chiara e ha avviato un procedimento di revoca della licenza dell'attività commerciale.

"La morte del giovane Willy ha sconvolto tutti - scrive De Lillis in un commento pubblicato sulla pagina Facebook - Una violenza inaudita, intollerabile , che non può essere accettata. Sapere che uno dei quattro assassini abbia frequentato la nostra città fa crescere in noi ancora di più la rabbia di fronte a questo atto così deplorevole e un forte sentimento di condanna a questa violenza. Per quello che può contare è stato avviato il procedimento di revoca della licenza della frutteria e auspichiamo che al più presto giustizia sia fatta. La nostra più profonda vicinanza alla famiglia di Willy".

Anche l'Anci Lazio si stringe attorno ai genitori di Willy e il presidente Varone ha lanciato un'iniziativa: "Bandiere a mezz'asta in tutti i Comuni del Lazio nel giorno dei funerali, un gesto piccolo ma che serve a far sentire la vicinanza di tutta la regione a queste comunità sconvolte". All'iniziativa stanno aderendo molti comuni pontini. "Da ieri le immagini sorridenti di Willy Monteiro Duarte - commenta il sindaco di Aprilia Antonio Terra - affollano le bacheche social di tutti noi, come a ricordare che non si può morire a 21 in quel modo. E che forse, se è vero – come recita un proverbio africano – che “per educare un bambino ci vuole un intero villaggio”, ciascuno di noi ha un pizzico di responsabilità, se consentiamo che nelle nostre città crescano ragazzi come quelli che hanno stroncato a calci e pugni una vita umana. Anche per questo ho aderito con convinzione all’iniziativa lanciata da Anci Lazio e nel giorno del funerale di Willy (al momento sembra che ancora non sia stata fissata la data) di fronte alle sedi municipali del Comune di Aprilia le bandiere saranno a mezz’asta. Si tratta di un piccolo gesto simbolico, ne sono consapevole. Spero sia anche un monito a ciascuno di noi, perché non ci stanchiamo mai di ripetere ai nostri giovani e a noi stessi che la violenza non è mai un modo per risolvere i conflitti: quando la parola, il dialogo (anche aspro) lasciano il posto alla violenza, perdiamo tutti, perdiamo tanto".

"Sono senza parole - aggiunge il sindaco di Sermoneta Giuseppina Giovannoli - provo solo un profondo sconforto e tanta tristezza per una giovane vita spezzata in modo così terribile: ucciso di botte a 21 anni a Colleferro, a due passi da noi, per aver tentato di difendere un amico dalla violenza del "branco". Siamo tutti Willy Monteiro Duarte. Per questo anche il Comune di Sermoneta ha aderito all'iniziativa lanciata da Anci Lazio e, nel giorno dei funerali di Willy, listerà a lutto le bandiere del Municipio. Un gesto piccolo ma che può far sentire tutta la vicinanza della nostra comunità e la condanna per questa vita spezzata in maniera gratuita, violenta, inutile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento