rotate-mobile
Cronaca Aprilia / via Le Ferriere

Operai morti alla Kyklos, impianto sequestrato. Attesa per le autopsie

Il provvedimento disposto dal sostituto procuratore Luigia Spinelli per ragioni di sicurezza. Intanto proseguono gli accertamenti mentre è prevista per oggi l'autopsia sui corpi di Fabio Lisei e Roberto Papini

E’ stata posta sotto sequestro l’area dello stabilimento Kyklos di Aprilia - di proprietà dell’Acea - dopo l’incidente di lunedì scorso in cui hanno perso la vita i due autotrasportatori della provincia di Viterbo Fabio Lisei e Roberto Papini.

Il provvedimento disposto dal sostituto procuratore Luigia Spinelli, titolare dell’inchiesta, per ragioni di sicurezza almeno fino a quando non verrà fatta chiarezza sulle ragioni precise del decesso e sulle sostanze che avrebbero stordito e ucciso i due operai dipendenti di una ditta esterna di Orvieto.

Sotto la lente d’ingrandimento, quindi, proprio il materiale con cui i due autotrasportatori sarebbero entrati in contatto e proseguono gli accertamenti e le verifiche sul percolato che i due autotrasportatori quella mattina dovevano travasare nelle autocisterne, per cercare elementi che possano chiarire la dinamica di quanto accaduto nell’impianto di compostaggio di via Le Ferriere. 

Intanto, è prevista per oggi l’autopsia sui corpi delle due vittime.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operai morti alla Kyklos, impianto sequestrato. Attesa per le autopsie

LatinaToday è in caricamento