Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Santi Cosma e Damiano

Operazione “Anni 2000”, cade l’accusa di narcotraffico per due imputati

Il Tribunale del Riesame conferma però l’associazione a delinquere all’interno del gruppo Antinozzi

Un'immagine delle perquisizioni dei carabinieri durante l'operazione "Anni 2000"

Il Tribunale del Riesame di Roma ha annullato per Vincenzo Di Martino e Marica Messore, coinvolti nell’operazione Anni 2000 portata a termine nel sud pontino a gennaio scorso e ritenuti appartenenti al gruppo Antinozzi, il reato associativo finalizzato al narcotraffico pur confermando il capo d’accusa relativo all’associazione a delinquere.

Il Tribunale ha accolto i rilievi della difesa, rappresentata dagli avvocati Pasquale Cardillo Cupo e Pasqualino Santamaria, sull'assenza di elementi per contestare in via autonoma il delitto del traffico di droga ritenendolo assorbito nel 416 bis, un annullamento assai rilevante perchè rappresenta la contestazione più grave. Anche per l'associazione contestata al gruppo Mendico, pur avendo il Riesame confermato l'impianto accusatorio, il quadro appare ridimensionato, laddove lo stesso Tribunale definisce l'associazione rudimentale, senza mezzi e capacità economiche e con ruoli non definiti.

"Sul gruppo Mendico stiamo già predisponendo come collegio difensivo – spiegano i legali - ricorso in Cassazione affinché anche per loro venga annullato il contestato delitto di cui all'art. 74 del Dpr, atteso che a nostro avviso  mancanza di mezzi e assenza di ruolo significa, in realtà, inesistenza di un quadro associativo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione “Anni 2000”, cade l’accusa di narcotraffico per due imputati

LatinaToday è in caricamento