menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere di Latina

Il carcere di Latina

Operazione Astice, Zinni fa i nomi di altri agenti carcerari corrotti

Oggi a Rebibbia il colloquio tra l'ispettore in servizio e via Aspromonte e i magistrati titolari dell'inchiesta

E’ durato tre ore il colloquio tra l’ispettore di polizia penitenziaria Franco Zinni e i pubblici ministeri Giuseppe Bontempo e Valerio De Luca, titolari dell’indagine "Astice" nell’ambito della quale è accusato di corruzione.

Assistito dall’avvocato Amleto Coronella questa mattina Zinni, che è detenuto a Rebibbia, ha innanzitutto confermato le spontanee dichiarazioni rese al gip di Latina nel corso dell’interrogatorio di garanzia: ha preso soldi, molti soldi, in cambio di favori ad alcuni detenuti del carcere di Latina dove prestava servizio perché si trovava in difficoltà e aveva bisogno di quel denaro. Una pratica molto diffusa a via Aspromonte come ha confermato nell’incontro odierno con i magistrati ai quali ha anche indicato i nomi di alcuni colleghi che adottavano comportamenti analoghi. Altri casi di corruzione insomma oltre a quello di Gianni Tramentozzi, altro operatotre di polizia penitenziaria arrestato nell’ambito dell’indagine "Petrus".

Far entrare nella casa circondariale del capoluogo pontino droga o altri oggetti non consentiti era una pratica alquanto diffusa ha spiegato Zinni confermando peraltro quanto emerso, anche se soltanto in parte, da alcune intercettazioni telefoniche. Ora saranno i due pubblici ministeri a valutare le nuove dichiarazioni dell’ispettore che collaborando con la Procura punta ad alleggerire la sua posizione processuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento