Operazione Krupy, sequestro di beni per 30 milioni di euro al sodalizio con sede a Latina

Il sequestro preventivo del patrimonio riconducibile ai fratelli Vincenzo e Rocco Crupi è la prosecuzione dell'inchiesta che nel 2015 portò a scoprire l'organizzazione criminale che operava tra Latina, la Calabria e l'Olanda

Un maxi sequestro di beni del valore complessivo di 30 milioni di euro e 13 province coinvolte. L’operazione condotta dai carabinieri del comando provinciale di Latina riguarda beni riconducibili ai fratelli Crupi, Vincenzo e Rocco, distribuiti su tutto il territorio nazionale e intestati a diversi prestanome non direttamenti collegati con il sodalizio criminale. Si tratta della prosecuzione di un’operazione che il 28 settembre del 2015 aveva portato a 19 ordinanze di custodia cautelare emesse dalla Dda di Roma per reati legati al traffico di sostanze stupefacenti, alla ricettazione in concorso e all’associazione di carattere transnazionale aggravata.

Il sodalizio scoperto dai carabinieri e capeggiato dai fratelli Crupi, con base a Latina e in Olanda e diversi filiali in tutta Italia, era legato a una delle più importanti cosche della ‘ndrangheta calabrese, i Commisso di Siderno, in provincia di Reggio Calabria, dedita all’importazione di droga dall’Olanda proprio attraverso la ditta Krupy srl, con sede legale a Roma e base operativa a Latina, che aveva ormai assunto una posizione di assoluto rilievo nel commercio florovivaistico tra Italia e Olanda.Nel corso dell'operazione del 2015 erano stati sequestrati in diversi momenti circa 17 chili di cocaina e 35 tonnellate di cioccolato Lindt rubate e poi rivendute sul territorio nazionale e in Olanda.

operazione_krupy_seqeustro_carabinieri_azienda_san_michele-2

L’indagine patrimoniale, condotta con la collaborazione del nucleo antifrode dell’Agenzia delle Entrate, è riuscita a ricostruire il patrimonio riconducibile ai due fratelli, che spesso di avvalevano di società con sede in Paesi offshore. Oggetto del sequestro preventivo sono: 13 società operanti nel settore florovivaistico, 36 terreni agricoli, 22 appartamenti, 7 locali commerciali, 21 magazzini, 2 alberghi, uno a Roma e uno ad Arezzo, 33 veicoli, 26 conti corrente bancari e un grande centro sportivo che si trova a Borgo Carso, ex Central Park. Coinvolte anche le province di Arezzo, Caserta, Napoli, Crotone, Padova, Perugia, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Torino, Venezia e Vibo Valentia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contestualmente alla misura patrimoniale è stata proposta anche l’applicazione della sorveglianza speciale nei confronti dei due fratelli. L’udienza è stata già fissata al prossimo 18 luglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020, i risultati: è ballottaggio a Fondi e Terracina

  • Elezioni a Fondi 2020: è ballottaggio tra Maschietto e Parisella

  • Elezioni a Terracina 2020: è ballottaggio tra Roberta Tintari e Valentino Giuliani

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento