Venerdì, 12 Luglio 2024
L'inchiesta

Armi e spaccio di droga, operazione "Nuove Leve": un arresto anche in provincia

Undici gli indagati destinatari di una misura cautelare emessa dall'autorità giudiziaria di Palmi. Fra loro un giovane residente a Sabaudia

Undici persone arrestate dai carabinieri nelle province di Reggio Calabria e Latina. Si chiama "Nuove leve" l'operazione nata da un'inchiesta coordinata dalla procura di Palmi. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di danneggiamento aggravato, detenzione abusiva di armi comuni e da guerra e munizionamento, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Fra gli arrestati c'è Rocco Lombardo, 24enne di Sinopoli, di fatto però domiciliato in provincia di Latina, nella città di Sabaudia, destinatario di una misura cautelare in carcere. In carcere sono finiti anche Michele Lombardo, 27enne di Seminara, Gabriele Lombardo, 25enne di Melicucco, Fidia Mesiano, 21enne di Melicuccà, Elio Arcangelo Morfea, 28enne di Sinopoli e Francesco Violi, 43 anni di Palmi. Arresti domiciliari, infine, per Giuseppe Oliveri, 32 anni di Seminara, Angelo Lombardo, Giony Quaranta e Samuele Quaranta, questi ultimi di Cinquefrondi.

L'operazione scaturisce dall'attività investigativa condotta dal nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Palmi da novembre 2021 ad agosto 2022, avviata a seguito di un episodio di danneggiamento con colpi di arma da fuoco avvenuto presso l'abitazione di una donna. Tuta bianca, volto coperto e pistola in pugno per punire chi aveva scelto di testimoniare e aiutare le forze dell'ordine a fare luce su una aggressione. Così le "Nuove leve" sono entrate in azione e hanno  esploso ben 18 colpi di pistola al portone di ingresso e al garage dell’abitazione della donna, rimasta illesa probabilmente solo perché considerata l’ora tarda in cui era stato commesso il fatto, fortunatamente si trovava già in camera da letto. L'episodio era stato registrato dalle videocamere di sorveglianza presenti nella zona e da questo poi ha preso le mosse l'indagine condotta dai carabinieri, che ha portato alla notifica di un'ordinanza cautelare a carico di 11 indagati.

Come riporta Reggio Today, il procuratore di Palmi Emanuele Crescenti ha sottolineato che l'operazione Nuove leve è di estrema importanza per il territorio: "Ci troviamo di fronte a soggetti che si muovono in una zona borderline, che aspirano a passaggio nel più vasto campo delle organizzazioni criminali". Il gruppo, secondo la ricostruzione della procura, ha provato a zittire una signora di Seminara che aveva scelto di collaborare con lo Stato per fare luce su un'aggressione che si era consumata a ottobre del 2021 e che ha portato alla denuncia per lesioni personali di cinque soggetti. Ad aver impugnato la pistola nella notte del 5 novembre del 2021, sarebbero stati: Tommaso Oliveri e Rocco Lombardo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi e spaccio di droga, operazione "Nuove Leve": un arresto anche in provincia
LatinaToday è in caricamento