rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Sperlonga

Scuola senza fondamenta: "Minata la fiducia e la sicurezza delle famiglie"

La denuncia del gruppo consiliare Sperlonga Cambia dopo l'operazione che ieri ha portato a due arresti e al sequestro del cantiere della scuola Alfredo Aspri

“Fortemente voluta e perseguita dalla Giunta Cusani, consentirà di riunire l’insieme degli studenti di Sperlonga in un solo plesso scolastico in perfetta sicurezza e con servizi tecnologici modernissimi e in linea con le più recenti normative in tema di edilizia scolastica”.  Con queste parole, solo poche settimane fa, l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Sperlonga D’Arcangelo annunciava la ripresa dei lavori per la realizzazione del polo scolastico finito ieri sotto sequestro nell'ambito di un'operazione dei carabinieri. L'intera ala del plesso è stata infatti costruita senza fondamenta, per risparmiare sui lavori che erano stati affidati alla ditta DR con un ribasso fuori mercato. Il solaio era stato costruito con materiali non idonei e dunque a rischio crollo.

Scuola costruita senza fondamenta: poteva crollare. Due nuovi arresti nell'inchiesta Tiberio

Sul caso interviene il gruppo consiliare d'opposizione Sperlonga Cambia: "A Sperlonga - spiega il gruppo - la corruzione e l’illegalità sono arrivate al punto di mettere a repentaglio la sicurezza dei bambini del nostro paese. L’operazione condotta dai carabinieri nucleo investigativo del comando provinciale di Latina e della compagnia di Terracina svela un quadro sempre più grave e allarmante. Gli stessi inquirenti parlano dell’indagine di oggi come di “una costola dell’inchiesta Tiberio”, a dimostrazione di come il sistema di corruzione scoperto già nel gennaio del 2017, con la serie di arresti che portò in carcere anche il sindaco di Armando Cusani, non solo non ha mai smesso di operare, ma continua a fare danni nel nostro territorio, senza farsi il minimo scrupolo dei rischi e delle tragiche conseguenze del proprio agire".

Il gruppo consiliare denuncia quindi un meccanismo di corruzione, appalti truccati, mazzette e un "legame perverso tra pubblica amministrazione e imprenditoria". "Questo sequestro - si legge ancora in un commento di Sperlonga Cambia - l’ennesimo nel territorio del nostro paese, segna in modo ancora più profondo la storia della nostra comunità, minando la fiducia e la sicurezza dei cittadini e delle famiglie di Sperlonga. Davanti a un episodio simile, che va ad aggravare una situazione già critica e anomala quale è quella di Sperlonga, lo Stato ha il dovere di far sentire la sua presenza. Non è più rinviabile un intervento fermo e deciso da parte delle Istituzioni a tutti i livelli di governo. Ringraziamo la magistratura e delle forze dell’ordine che si battono quotidianamente contro la corruzione diffusa del nostro territorio e per il loro costante impegno in favore della legalità, della giustizia e della sicurezza dei cittadini. Il nostro auspicio è che i tempi della giustizia siano quanto più possibile certi e rapidi. I cantieri edilizi da mesi sotto sequestro e i processi che impiegano anni per giungere a sentenza, sono tutti fattori che minano gravemente la fiducia dei cittadini nella giustizia e trascinano una situazione politica e amministrativa ormai al limite, impedendo l’avvio di percorso di ritorno alla legalità che a Sperlonga diventa ogni giorno più urgente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola senza fondamenta: "Minata la fiducia e la sicurezza delle famiglie"

LatinaToday è in caricamento