Cronaca

Fondi, ospedale al collasso: l'allarme lanciato dal sindacato Fp Cgil

La denuncia riguarda una situazione di cronica carenza di personale che riguarda molti reparti, tra cui Pronto soccorso, Medicina e Cardiologia

Una denuncia della Cgil sulla situazione dell'ospedale di Fondi, con personale insufficiente sia medico che infermieristico. "A breve - scrive la Fp Cgil in una nota - inizierà il periodo estivo e gli ospedali del sud pontino saranno chiamati a far fronte al sovraccarico di utenti tipico delle zone balneari. In queste situazioni, ci si aspetta che l’Azienda Asl provveda a potenziare gli ospedali più esposti. Ma nell’ospedale di Fondi sta accadendo l’esatto opposto".

Il sindacato spiega che nel pronto soccorso del presidio ospedaliero le unità infermieristiche e mediche sono "insufficienti per garantire la corretta funzionalità del servizio" e che "già più volte i lavoratori si sono trovati, da soli, a fronteggiare le intemperanze di utenti esasperati". Da tempo è stato richiesto all’azienda di reintegrare anche il personale ausiliario, ma a tutt'oggi alle richieste non c'è stato riscontro.

"Nel reparto Medicina - si legge ancora nella diffusa da Fp Cgil - sono attualmente in servizio solo tre medici, la quarta dottoressa risulta assente dal 2017 e, dopo più di un anno, ancora non è stata sostituita. La carenza del personale riguarda anche gli Oss: dei sei in organico ne risultano in turnazione solo quattro, gli altri due sono in aspettativa e non sono stati sostituiti. Ciò sta rendendo impossibile l’organizzazione del lavoro, la programmazione delle ferie è diventata lontano un miraggio, ma, soprattutto, dal 26 novembre nel reparto Medicina i ricoveri si effettuano solo dalle otto del mattino alle otto di sera. Il tutto nell’indifferenza dell’azienda".

La situazione riguarda anche la Cardiologia e il Nido: "In Cardiologia ad oggi - prosegue il sindacato - è presente un solo cardiologo, il secondo cardiologo che è stato trasferito non è ancora stato sostituito e le guardie pomeridiane sono state sospese. Nel Nido la carenza del  personale è tale che le turnazioni vengono programmate sulla base di otto giorni ma subiscono quotidianamente modifiche, con soppressione dei riposi. Queste sono solo le criticità più evidenti, ma l’intero ospedale è sull’orlo del collasso e a farne le spese sono prima di tutto gli utenti ma anche i lavoratori, chiamati ad operare in situazioni di elevato stress, senza la necessaria serenità e privati anche della possibilità di programmare il periodo minimo delle ferie. Riteniamo prioritario  - conclude la Cgil - che la Asl di Latina provveda a dare risposte vere ai cittadini ed agli operatori del sud pontino. E' tempo che si esca dall’emergenza e che l’ospedale di Fondi torni alla normalità. L'azienda deve attivarsi per sopperire alle croniche carenze di personale utilizzando, in emergenza, anche la possibilità di attingere dagli idonei delle tante graduatorie a tempo indeterminato presenti nella Regione per assunzioni temporanee, nelle more di soluzioni stabili"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi, ospedale al collasso: l'allarme lanciato dal sindacato Fp Cgil

LatinaToday è in caricamento