rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Santa Rita / Via Quarto

Stop ai lavori in via Quarto: il Comune annulla il permesso a costruire

Annullato il permesso a costruire ed ordinanza di sospensione immediata dei lavori in via Quarto dove si stava realizzando una nuova palazzina. Soddisfazione nel Pd e tra i membri del comitato Il Gigante Buono

Stop ai lavori in via Quarto. “Il Comune di Latina ha annullato, in autotutela, il permesso a costruire sul lotto di terreno sito in via Quarto ed emesso ordinanza di sospensione immediata dei lavori” si legge in una nota dell’amministrazione.

Lavori sospesi dunque nell’area dove si stava realizzando una nuova palazzina, vicenda che negli ultimi mesi aveva suscitato molto scalpore soprattutto dopo l’abbattimento dei due giganti alberi di eucalipto che avrebbero dovuto lasciare spazio alla nuova costruzione.

“Tale decisione è scaturita a seguito dell’esame della documentazione che gli uffici comunali stanno predisponendo per il ricorso al Tar relativo alla vicenda in oggetto - prosegue la nota del Comune -.  E’ stato infatti accertato che il titolo di proprietà dell’area esibito dall’impresa che intende realizzare un edifico residenziale nell’area di via Quarto, è nullo. Ciò in ragione di un decreto definitivo di esproprio risalente all’anno 1980 con il quale veniva disposto il trasferimento della proprietà dell’area da privati al Comune.   

Quindi la stessa area risultava di proprietà del Comune di Latina sin dal 1981 e non dell’impresa che ha ottenuto il permesso a costruire. In seguito a tale verifica, il Comune di Latina ha annullato, in autotutela, il permesso a costruire sul lotto di terreno sito in via Quarto, rilasciato il 20 ottobre 2014, ed emesso immediatamente la relativa ordinanza di sospensione dei lavori”.

La complessa vicenda è stata oggi ricostruita dai tecnici comunali in sede di Commissione Trasparenza, dove è stato ripercorso l’iter della procedura che il Comune ha adottato per l’approvazione del piano. “In particolare - concludono dal Comune -, è stata evidenziata la nullità degli atti notarili di trasferimento dell’area da privati alla società titolare del permesso a costruire, che ha determinato l’annullamento dello stesso permesso”.

IL PD - “È una novità importantissima quella emersa oggi a seguito delle riunioni chieste il mese scorso dai consiglieri De Marchis e Porcari - commenta il presidente della commissione Trasparenza Omar Sarubbo -. La commissione si è adoperata perché emergesse la verità dei fatti, da dicembre si è spesa per conoscere e acquisire le carte relative al permesso a costruire nell’area, lo stesso permesso – ricorda il presidente e consigliere Pd - sarà oggetto il 22 gennaio di un’udienza al Tar che fa seguito alla richiesta di sospensiva inoltrata da alcuni residenti della zona e all’interessamento di numerosi cittadini e di altrettante associazioni che da subito sono scesi in campo chiedendo che sulla vicenda venisse fatta piena luce”.

“Quella di oggi – affermano i consiglieri del Partito democratico Giorgio De Marchis e Fabrizio Porcari – è in primis una vittoria per tutti quei cittadini che si sono battuti contro uno scempio urbanistico e per fare chiarezza su una vicenda che fin dall’inizio presentava diverse anomalie ed è apparsa sospetta. È anche la vittoria di quella parte di politici che non ha ignorato la richiesta di fare luce arrivata da questi cittadini, ma ha voluto approfondire la questione in tutti i suoi particolari”.

IL COMITATO - Grande soddisfazione anche tra i membri del comitato “Il Gigante Buono” nato proprio dopo l’abbattimento dei due alberi di eucalipto e che, con diverse iniziative, ha sempre chiesto che venisse fatta luce su questa vicenda come su altre che interessano zone verdi del capoluogo pontino, tra cui proprio una veglia in via Quarto.

IL GIGANTE BUONO: FLASH MOB PER IL VERDE PUBBLICO

      

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop ai lavori in via Quarto: il Comune annulla il permesso a costruire

LatinaToday è in caricamento