menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Indennità pensionistiche per esposizione all’amianto, in sette a giudizio

Avvocati e sindacalisti accusati di associazione a delinquere per ottenere benefici ai danni dell’Inps

Sette persone, tra le quali ci sono avvocati e sindacalisti, sono state rinviate a giudizio nell’ambito dell’inchiesta avviata dalla Procura di Bolzano e poi trasferita per competenza a quella di Latina sulle cause per esposizione all'amianto intentate sulla base di false dichiarazioni all'Inail.

A conclusione dell’udienza preliminare, il gup Giorgia Castriota ha accolto la richiesta del pm mandando a giudizio Annalisa Pisacane, Armando Avella, Antonella Rossi, Enzo Tosti, Vincenzo Schettino, i sindacalisti Emilio Danieli e Paolo Sandi. L’accusa nei loro confronti è quella di associazione a delinquere finalizzata a ottenere erogazioni pubbliche vale a dire benefici previdenziali conseguenti all’esposizione all’amianto ai danni dell’Inps. Avvocati e sindacalisti avrebbero dunque avviato ricorsi al giudice del lavoro sulla base di domande di risarcimento fasulle.

Proprio la sede Inps di Bolzano - di fronte a decine di cause intentate - aveva scoperto che qualcosa non quadrava e aveva scoperto un numero consistente di pratiche curate da avvocati di Latina. Per le sette persone rinviate a giudizio il processo inizierà il 12 febbraio del prossimo anno davanti al primo collegio penale del Tribunale di Latina. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento