Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Gaeta

Sorpreso a prendere datteri di mare: denunciato pescatore di frodo

L'operazione della Guardia costiera di Gaeta a Minturno. Sequestrati oltre duemila esemplari

Un pescatore di frodo è stato fermato a Minturno dalla Guardia Costiera per aver raccolto abusivamente circa 40 chilogrammi di datteri di mare. Questo è il "bottino" che il 49enne, originario di Napoli, ha cercato di portare via dalla scogliera di Monte d'Oro a Scauri, durante un'immersione nelle acque del litorale.

La Guardia Costiera di Gaeta aveva acquisito informazioni sulla possibile presenza in zona di pescatori abusivi e dalla tarda serata di ieri è stata impegnata in una mirata attività di monitoraggio della costa. Il controllo ha consentito di individuare il pescatore campano intento nella raccolta dei datteri di mare, attività vietata e che ha un impatto devastante per la costa e l’ambiente marino.

Il pescatore, dopo aver picchiato con il martello sulla roccia ed estratto con una lunga pinzetta i datteri dalla roccia frantumata, è stato fermato dai militari della Guardia Costiera prima che potesse raggiungere la propria autovettura e dileguarsi. A supporto è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri di Formia. Il 49nne è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino con contestuale sequestro penale dei quasi 2.200 esemplari di datteri di mare oltre all'attrezzatura utilizzata. L’arresto fino a due anni o una ammenda fino a 12mila euro sarà il prezzo da pagare per il pescatore di frodo in base alla normativa nazionale e comunitaria che ne vieta la pesca, detenzione, trasporto e commercializzazione.

La raccolta di questo pregiato mollusco, incoraggiata dal suo valore commerciale, è, infatti, causa di effetti sull’ambiente marino così dannosi, da essere vietata in Italia da oltre trent’anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso a prendere datteri di mare: denunciato pescatore di frodo

LatinaToday è in caricamento