Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Piantagione di marijuana in un container, due arresti. Sequestrate anche due pistole

Il blitz della squadra mobile in un terreno di campagna al confine tra Aprilia e Anzio. L'indagine nata seguendo i flussi della droga da Aprilia a Latina

Gli investigatori della Squadra mobile di Latina hanno seguito i flussi di droga che arrivavano nel capoluogo pontino da Aprilia e attraverso pedinamenti e servizi di osservazione sono arrivati fino al confine con il territorio di Anzio, dove hanno scoperto una piantagione di marijuana. Il blitz è scattato nella giornata di ieri, in una zona di aperta campagna, in un terreno di proprietà di uno dei principali sospetti che la polizia teneva sotto controllo da qualche tempo. L'operazione si è conclusa con due arresti e con il sequestro di quasi 300 piante di marijuana, di due pistole, munizionamento da guerra e denaro contante.

La piantagione scoperta in un terreno di campagna 

Ad insospettire il personale della Mobile è stato un generatore di corrente da 45 kw che era stato installato sul terreno in cui c'erano diversi box per cavalli, uno dei quali particolarmente grande. Dopo la scoperta, sono andati avanti i servizi di appostamento e osservazioni di tre sospetti, la cui presenza su quel terreno era quasi quotidiana. Solo ieri gli investigatori hanno deciso di intervenire e all'interno dell'abitazione di uno dei tre, Mirko Di Filippo, 30 anni di Anzio, hanno rinvenuto e sequestrato circa 5 grammi di cocaina, diversi grammi di mannite utilizzata per il taglio dello stupefacente e altra droga tra hashish e marijuana. All'esterno dell'abitazione, i poliziotti hanno poi seguito i cavi interrati del gruppo elettrogeno fino al container più grande, rivestito in legno e apparentemente utilizzato per attrezzi agricoli. All'interno c'era però una porta sigillata e chiusa da un lucchetto, che gli investigatori hanno scardinato scoprendo così un sofisticato sistema di piantagione di marijuana, con circa 300 piante alte un metro e in piena inforescenza. Sul soffitto del box erano state installate luci alogene, circa 20 areatori e diversi misuratori di temperatura e umidità.

L'operazione della Squadra Mobile - Il video 

Le perquisizioni e gli arresti

In casa di Di Filippo è stato ritrovato anche un manuale che conteneva indicazioni su come coltivare la canapa. Successivamente al ritrovamento, sono scattate perquisizioni anche in casa di un altro soggetto, Walter Celani, 56 anni, e di suo figlio, che abitavano nella stessa zona. Nell’abitazione del primo sono state trovate due armi, un revolver 357 carico e una pistola glock calibro 9x21, entrambe con matricola abrasa. Insieme alle armi è stato sequestrato tutto il munizionamento. In casa anche un bilancino di precisione, della pasta di coca che sarebbe stata lavorata e poi rivenduta, uno strumento per creare il sottovuoto utilizzato per confezionare le dosi di stupefacente e la somma di quasi mille euro in contanti. Per Di Filippo e Celani, il secondo già noto alle forze dell’ordine per precedenti specifici, sono scattati gli arresti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piantagione di marijuana in un container, due arresti. Sequestrate anche due pistole

LatinaToday è in caricamento