rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Aprilia

Minaccia il padre e picchia la sorella per soldi, condannato

Due anni e quattro mesi per S.B., 27 anni, di Aprilia. Era stato arrestato in seguito alla denuncia della famiglia. Il padre si è reso disponibile a fargli scontare i domiciliari nella sua abitazione

Aveva minacciato e ricattato il padre e il fratello, picchiato la sorella, tutto per ottenere denaro utile ad acquistare la droga. Sono diversi e gravi gli episodi contestati a S.B., 27 anni di Aprilia, condannato questa mattina dal giudice per le udienze preliminari Guido Marcelli a due anni e quattro mesi di reclusione.

Il gup, però, gli ha concesso gli arresti domiciliari e, nonostante i reati siano stati commessi ai danni dei familiari, il padre si è dichiarato disponibile ad accoglierlo in casa per scontare la pena.

I fatti ad aprile di quest’anno: il giovane, per comperare lo stupefacente, era arrivato a minacciare con un taglierino il padre, a sottrargli la macchina, che sarebbe stato disposto a restituirgli solo in cambio di denaro.

Tra i vari episodi di violenza di cui si è reso protagonista, in un caso ha tagliato la strada alla sorella mentre era in auto, ha preso la sua portiera a calci e ha colpito la donna a pugni, procurandole lesioni per circa sei giorni di prognosi.

Il giovane, difeso dall’avvocato Alessandro Farau, ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia il padre e picchia la sorella per soldi, condannato

LatinaToday è in caricamento