menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina a Pontinia: "Non ricordo nulla". Il giudice lo lascia in carcere

L'interrogatorio del ragazzo accusato del colpo al negozio di abbigliamento di Pontinia: racconta di prendere farmaci anti depressione

Ha raccontato al giudice di non ricordare nulla di quel giorno e per ora il rapinatore del negozio di abbigliamento di Pontina resta in carcere.

Alex Marangon, questo il suo nome, è stato ascoltato questa mattina dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Mario La Rosa per l’interrogatorio di garanzia. Il ragazzo, 21 anni, è accusato del colpo messo a segno ai danni dell’esercizio commerciale Sissy Moda, il 29 settembre scorso. Il rapinatore, con il volto nascosto da una mascherina chirurgica anti Covid, era entrato nel negozio e aveva mostrato una pistola che teneva nella cinta dei pantaloni per poi puntarla contro la commessa per farsi consegnare 300 euro. Poi era scappato a bordo di un’auto ma grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza gli uomini della Squadra Volante e della Squadra Mobile sono riusciti a identificarlo e arrestarlo.

Nell’interrogatorio di questa mattina Marangon ha raccontato di soffrire di una forte depressione a causa della quale assume farmaci e di non ricordare nulla del colpo a Pontinia. Il giudice ha confermato la custodia in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, nuovi casi di variante inglese: focolaio a Latina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento