menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esplosione e incendio al porto di Ponza: le operazioni di soccorso

Gli occupanti del motoscafo andato in fiamme, due adulti e un minore, si sono gettati in mare. L'imbarcazione è affondata al largo

Una colonna di fumo nero si è alzata ieri nel porto di Ponza per lo scoppio e l'incendio di un natante a motore di circa 6 metri. Sull'incidente avvenuto intorno alle 14 del 26 agosto arrivano i dettagli della Guardia costiera che ha attivato immediatamente la macchina dei soccorsi con l'impiego di quattro unità navali. Sul posto anche carabinieri, polizia locale, protezione civile e personale medico del 118.

Negli istanti in cui l'incendio si è sviluppato molte persone sono intervenute per domare le fiamme con estintori e idranti, ma la presenza vento da ponente non ha agevolato l'estinzione. La Guardia costiera ha quindi deciso di allontanare l'impbarcazione in fiamma portandola nella rada del porto. L'incendio è stato domato dopo circa 40 minuti ma il natante è affondato al di fuori del porto dell'isola, in un punto in cui il fondale è profondo circa 30 metri.

A bordo c'erano due adulti e minore che al momento dello scoppio del motore, mentre si effettuava il rifornimento, si sono gettati in mare e sono stati poi tempestivamente recuoerati dagli operatori locali. Molta paura per i turisti, originari di Roma, ma fortunatamente nessuna grave conseguenza. Le cause dell'incidente sono ancora da accertare, ma la Guardia costiera assicura è stato evitato il rischio di inquinamento e soprattutto è stata scongiurata la possibilità che si sviluppasse un rogo di più vaste proporzioni nel porto dell'isola.

Nel punto in cui l'imbarcazione è affondata continuerà il monitoraggio ambientale dei militari della Guardia costiera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, giù i contagi: sono 50 in provincia ma con tre decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento