menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prefetto Faloni, il bilancio di tre anni: "Un lavoro intenso ma fatto con passione"

Ha incontrato per l'ultima volta in via ufficiale la stampa pontina il prefetto Pierluigi Faloni, che ora si appresta a lasciare il territorio per un nuovo in carico. La sintesi delle attività svolte

"Tre anni intensi, di lavoro duro, ma fatto con passione". Così il prefetto Pierluigi Faloni, nel giorno della sua conferenza stampa di saluto, sintetizza la sua lunga attività sul territorio pontino portata avanti negli ultimi tre anni alla guida di una "prefettura difficile" e di una provincia impegnativa. "Ho studiato con umiltà il territorio - esordisce il prefetto Faloni - e ho poi condiviso con le forze dell'ordine una linea di azione in risposta alle domande della collettività. La società chiedeva legalità, affidandoci un fardello molto pesante. Per dare risposte ho cercato di volare alto perché solo andando in alto puoi guardare meglio le cose e renderti conto di quale terreno è bruciato e di quale non è bruciato ancora. Ma ho accettato il rischio di cadere".

Il prefetto Faloni ha parlato soprattutto dell'inaugurazione di un nuovo metodo, quello della condivisione, intorno a ogni problema e ogni emergenza del territorio. E a testimonianza di questo metodo ci sono i numeri: 84 tavoli tra comitati per l’ordine e la sicurezza e riunioni tecniche di coordinamento. “Al centro di tutto c’era il cittadino – spiega ancora Faloni – Per questa ragione, parlando di legalità, abbiamo voluto agire soprattutto sulla cultura, perché la legalità non è una vuota definizione ma un processo di vita. Siamo andati nelle scuole promuovendo questo concetto tra i bambini ed è stato sorprendente”.

Cioffredi: “Faloni artefice di un nuovo modello di sicurezza”

I numeri sono anche quelli che indicano i servizi delle forze dell’ordine condotti in questi ultimi tre anni: 195mila posti di controllo sulle strade, 660mila mezzi controllati, 620mila persone identificate, 20mila tra arresti e denunce. “E i risultati – commenta – hanno riguardato l’intero territorio, da nord a sud della provincia, e tutte le forze dell’ordine”.

Faloni lascia la provincia pontina con un unico rimpianto: “Quello di aver lavorato troppo e di non aver potuto mai godere delle bellezze del territorio”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento