Cronaca

Premio Comel 2013, Tony Charles vince la seconda edizione

Proclamato il trionfatore del concorso d’arte internazionale intitolato a Vanna Migliorin. Le opere in mostra allo spazio Comel fino al 14 aprile

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Si chiama Tony Charles il vincitore della seconda edizione del Premio d’arte internazionale COMEL "Vanna Migliorin" 2013. E’ stato annunciato sabato 6 aprile presso lo Spazio Comel dal critico d’arte Giorgio Agnisola, a nome della giuria del Premio.

Come sempre più spesso accade per gli eventi organizzati dalla famiglia Mazzola, il pubblico era numerosissimo, segno evidente di un interesse vivo per l’arte contemporanea e anche per l’ospitalità che contraddistingue i titolari (Maria Gabriella e Adriano).

La mostra “L’espressività dell’alluminio”, abbinata al Premio Comel, si è pregiata di tredici opere di altissimo livello, come evidenziato più volte dal giurato Agnisola, e ha confermato anche una posizione di rilievo dello Spazio Comel tra le gallerie d’arte internazionali.

La peculiarità del concorso è stata la scelta di opere lavorate in alluminio (o su supporti dello stesso materiale) poiché l’idea dello Spazio e della valorizzazione dell’arte contemporanea sono stati possibili grazie all’azienda CO.ME.L. di Latina e ai coniugi Vanna Migliorin e Alfonso Mazzola, da cui tutto ha avuto origine.

La giuria composta dai critici d’arte Giorgio Agnisola (consulente d’arte moderna e contemporanea della Cei nell’ambito degli accordi internazionali per gli scambi culturali, critico d’arte, docente di Arte presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale), Gregorio Botta (vice direttore di Repubblica, e artista di chiara fama) e Agnes Martin (direttrice fondatrice della St. Sthephen’s Cultural Center Foundation di Roma, luogo di formazione di molti talenti artistici di diversa espressione) ha scelto il vincitore di questa edizione.

Tony Charles ha partecipato alla selezione con l’opera “Fettled Sign”, un quadro che riprende la cartellonistica industriale, sfrutta la superficie dell’alluminio per creare una sorta di specchio onirico che assorbe i contorni sfumando le identità e la suggella con un’impressione graffitica intensa che contrasta con i colori giallo e nero. Tony Charles è un artista che ben conosce l’uso e la trasformazione possibile dei metalli (avendo lavorato nel campo). Sensibile alla svolta postindustriale, incluso le metamorfosi e i problemi sociali conseguenti, si serve dell’arte come ricerca personale del bello. Numerose le esposizioni internazionali, tra cui anche la 54° biennale di Venezia. E’ cofondatore della galleria Platform-A, con sede a Middlesbrough (England) dove vive e lavora.

La giuria ha inoltre espresso quattro menzioni speciali agli artisti che hanno saputo meglio comunicare attraverso l’espressività dell’alluminio: Anna Carusi (“Mercato”) Robert Kunec (“Fists”), Venanzio Manciocchi (“Resti di racconti”), Fabrizio Sanna (“Via Lattea”).

Ricordiamo gli artisti selezionati al Premio Comel: Julia Brooker (UK, Wales), Patrizia Burra (Italia, Grado), Anna Carusi (Italia, Roma), Rossana Cesaretti (Roxy Deva) (Italia, Roma), Tony Charles (UK, Londra), Beniamino Fabiano (Italia, Bari), Salvatore Giunta (Italia, Roma), Robert Kunec (Germania, Cologne), Venanzio Manciocchi (Italia, Latina), Fabrizio Sanna (Goa) (Italia, Villasimius), Cristina Simeoni (Italia, Mantova), Vassil Tenev (Bulgaria, Asenovgrad), Angelo Tozzi (Italia, Latina).

Le loro opere rimarranno esposte presso lo Spazio Comel (via Neghelli, 68, Latina) fino a domenica 14 (dal mart al ven 18-20, sab e dom 10-12, 18-20). La cerimonia conclusiva si terrà sabato 13 aprile alle 18, con l’atteso premio del pubblico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Comel 2013, Tony Charles vince la seconda edizione

LatinaToday è in caricamento