Roma-Latina, presidio sulla Pontina: subito l'apertura dei cantieri

Lo chiede la Cisl, che oggi ha chiamato a raccolta i cittadini per sollecitare la politica a decidere e ad avviare i lavori, anche con l'obiettivo di risollevare il settore edile praticamente in ginocchio in tutto il Lazio

Si è tenuto oggi, lunedì 26 giugno, a Borgo Piave il primo presidio "Apriamo i cantieri subito, realizziamo la strada 148 Pontina", organizzato dalla Cisl di Latina,  insieme alle federazione dell'industria  Fim, Femca, Filca e Fai. Un appuntamento nato per sollecitare la politica  a decidere, senza ulteriori rinvii, sulla costruzione del Corridoio Tirrenico Meridionale, che prevede, oltre che la Roma- Latina  anche la  bretella Cisterna - Valmontone .

Il costo complessivo dell’opera è di 2.8 miliardi di euro, per una concessione di 50 anni e 186 km di infrastrutture. Sono questi i numeri previsti per la costruzione dell’autostrada Roma-Latina. Risorse a capitale misto "pubblico-privato" che potrebbero permettere di avere nel prossimo futuro  migliaia di assunzioni e fare da "ricostituente" ad  un settore, quello dell’edilizia, che ormai da molti anni versa in una crisi quasi cronica. Nel Lazio sono 50mila, spiega la Cisl, i lavoratori espulsi dal circuito delle casse edili dal 2008 ad oggi. E circa 7mila le aziende chiuse nello stesso periodo in questo settore. Specificatamente a Roma i lavoratori espulsi nel settore edile sono circa 33mila e oltre 5mila a Latina. In questi due territori i lavoratori espulsi,  pesano per il 75% sull’intera regione.  

La Roma - Latina è un’opera fondamentale, visto il deficit infrastrutturale della nostra regione e il ritardo storico di circa 30 anni che è stato accumulato a causa di un dibattito stucchevole sulla necessità o meno della strategicità dell'opera stessa” dichiarano Andrea Cuccello, Paolo Terrinoni e Roberto Cecere, rispettivamente segretari Generali della Cisl del Lazio, della Cisl di Roma Capitale Rieti e di Latina.

“Alla Regione Lazio – continuano - chiediamo un incontro che determini il cronoprogramma della Roma - Latina, a fronte anche dell'accordo sugli appalti pubblici sottoscritto lo scorso 28 settembre. Ci auguriamo che per la selezione delle imprese, fermo restando l’obbligo di mandare in gara almeno l’80% dei lavori, si possa prevedere un taglio dei lotti per favorire le imprese del territorio. La cosa che risulta importantissima è che la Regione Lazio “blindi” il contratto con la società committente. Dobbiamo evitare che il contraente utilizzi e spenda esclusivamente i circa 500 milioni di euro di finanziamento pubblico già stanziati e disponibili, ma non attivi mai le ulteriori somme oggetto del c.d. “project financing” per il completamento dell’opera. Ciò che è accaduto a Tarquinia sulla “dorsale tirrenica” non deve ripetersi. La Regione Lazio deve quindi dedicare tempo e risorse per stipulare un accordo contrattuale che possa impedire tali comportamenti, chiedendo tutte le possibili garanzie reali, facilmente escutibili in caso di contenzioso a tutela dell'ente Regionale stesso e di tutti i contribuenti."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo chiamato le persone ad un presidio su un problema molto sentito in città – commenta Roberto Cecere - e la risposta c'è stata. Peccato per l'assenza degli amministratori che hanno ignorato il nostro invito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020 a Fondi e Terracina: lo spoglio dei voti in diretta

  • Elezioni a Fondi 2020: risultati sindaco

  • Elezioni a Terracina 2020: risultati sindaco

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento