Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Aprilia

Maxi sequestro di beni per un apriliano. Negli anni coinvolto in numerose inchieste

Sotto chiave i beni per quattro milioni di euro per un uomo di 70 anni; una misura di "prevenzione antimafia" eseguita dalla guardia di finanza nei confronti dell'anziano nel tempo finito in diverse inchieste anche nazionali

Maxi sequestro di beni, per un valore di 3,8 milioni di euro, nei confronti di un anziano di 70 anni ad Apprilia. L’operazione della guardia di finanza in applicazione del cosiddetto “Codice Antimafia”, che consente di addivenire al sequestro ed alla successiva confisca dei patrimoni illecitamente accumulati da coloro che vivono dei proventi dei reati e non possono giustificare la legittima provenienza dei beni in loro possesso.

Il provvedimento, nei confronti del 70enne residente ad Aprilia e coinvolto in numerose indagini svolte sul territorio nazionale per gravi reati (ricettazione, truffa, usura, estorsione, esercizio abusivo di attività finanziaria, bancarotta fraudolenta) emesso dal tribunale di Latina su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica di Latina, Luigia Spinelli.

Le Fiamme Gialle di Aprilia, considerata la pericolosità del soggetto, la gravità e la reiterazione dei delitti commessi, nonché l’elevato tenore di vita, hanno infatti effettuato una serie di accertamenti patrimoniali e reddituali al fine di verificare la natura e l’ammontare dei redditi annualmente percepiti, individuare il patrimonio personale disponibile (ivi compresi i cespiti intestati ai componenti del proprio nucleo familiare ed a persone giuridiche a lui riconducibili) e quantificarne la reale ed effettiva consistenza.

“L’attività - si legge in una nota della guardia di finanza - ha fatto emergere una notevole sproporzione tra il patrimonio posseduto ed i redditi dichiarati dall’intero nucleo familiare del soggetto, assolutamente inidoneo a giustificarne l’elevato tenore di vita sostenuto. Nei confronti di M.B. é stato quindi formulato un giudizio di pericolosità sociale, in quanto è stato appurato che i proventi dell’attività delittuosa hanno costituito il suo unico flusso di ricchezza”.

Sono così stati sequestrati 28 immobili (terreni e fabbricati) tra Aprilia, Roma, Pomezia (Rm), Ciampino (Rm) e Leonessa (Ri), un’auto Mercedes, un motociclo tipo Honda, 21 rapporti bancari e finanziari presso diversi istituti di credito di Aprilia, quote azionarie di società aventi sede adAprilia, Roma, Castel Gandolfo (Rm) e Saronno (Va), operanti nel settore immobiliare, edilizio, finanziario e del commercio all’ingrosso e al minuto di prodotti alimentari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro di beni per un apriliano. Negli anni coinvolto in numerose inchieste

LatinaToday è in caricamento