rotate-mobile
Cronaca Priverno

Anche Priverno dichiara guerra agli incivili: fototrappole contro l'abbandono dei rifiuti

I dispositivi verranno spostati e alternati in luoghi diversi così da garantire il controllo di tutte le zone definite a rischio

Fototrappole anche a Priverno contro l'abbandono dei rifiuti in strada. La novità è stata annunciata dall'amministrazione, che ha lavorato in questi anni per migliorare il decoro, la funzionalità e la sicurezza del paese. Sul tema dei rifiuti, grazie al sistema di raccolta porta a porta le strade del centro e delle periferie di Priverno sono state liberate dai vecchi cassonetti e l'impegno dei cittadini ha consentito di raggiungere una percentuale di raccolta differenziata vicina al 70%. Sul tema del decoro, sono stati invece realizzati interventi di manutenzione e resyling ed è stato installato un nuovo sistema di videosorveglianza in prossimità delle scuole e delle zone più vulnerabili, con l'obiettivo di aumentare il controllo e di conseguenza la sicurezza dei cittadini. 

Ora l'amministrazione scende in campo contro il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti e del conferimento illegale. L'ufficio ambiente del Comune ha stipulato una convezione con una ditta specializzata per il controllo sistematico e capillare attraverso l’utilizzo di apparecchiature di videosorveglianza. Oltre alle videocamere saranno installate numerose foto-trappole che di volta in volta verranno spostate e alternate in luoghi diversi così da garantire il controllo di tutte le zone definite a rischio.

"I trasgressori - spiega il Comune in una nota - saranno sanzionati pesantemente perché abbiamo bisogno di recuperare quel senso civico che ci consente di vivere nel rispetto delle regole. Basterebbero pochi minuti a casa per separare i rifiuti nei sacchetti, basterebbero pochi scalini per esporre comodamente i mastelli, basterebbe un pizzico di umanità per non gettare mozziconi e bottiglie dal finestrino, basterebbe un minimo di intelligenza per non abbandonare una lavatrice sui sampietrini e basterebbe un minimo di educazione per non distruggere il parco giochi dove i più piccoli iniziano a scoprire il senso della vita. Sarebbe bello che chi cura già il proprio orticello potesse coinvolgere anche altri così da godere piano piano di una città bella e pulita". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Priverno dichiara guerra agli incivili: fototrappole contro l'abbandono dei rifiuti

LatinaToday è in caricamento